torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cronache
venti di cocaina

aria inquinata dalle droghe a Madrid ed a Barcellona


In alcune zone di Madrid e di Barcellona si respirano, camminando, cocaina, eroina, extasis e cannabis. Sono le conclusioni di un gruppo di specialisti del CSIC, il Consiglio Superiore delle Ricerche Scientifiche spagnolo dopo aver esaminato la qualità dell'aria nei quartieri della vita notturna e nelle strade più frequentate dagli studenti. Due stazioni fisse dotate di filtri di microfibra al quarzo hanno raccolto ed esaminato le particelle sospese nell'aria, scoprendo diciassette composti appartenenti a cinque classi di droghe, cocaina, anfetamine, oppiacei, cannabinoidi ed acido lisergico. L'eroina, presente massicciamente a Madrid, è invece assente a Barcellona, semplicemente perché nella prima città i giovani sono usi ad inalarla, mentre nella seconda è diffusa l'abitudine di iniettarsela. Un altro dato utile per comprendere i comportamenti sociali è dato dal fatto che la maggiore concentrazione di droga nell'aria si registra durante i fine settimana, quando i consumatori sono più liberi dai propri impegni quotidiani di studio o di lavoro. Le forse di polizia potrebbero trovare un valido aiuto nella lotta allo spaccio se disponessero di stazioni mobili di rilevamento, ma ciò è reso difficile dal costo di tali apparecchiature, circa quattrocentomila euro ciascuna. I livelli più alti nelle ventiquattro ore corrispondono a quelli della cocaina, seguiti da un cannabinoide, il tetraidrocannabinolo. A Madrid si sono trovate concentrazioni di ottocentocinquanta psicogrammi per metro cubo d'aria. Non si tratta ovviamente di un pericolo per l'ignaro passante, perché sarebbe necessario inalare quest'aria per mille anni per raggiungere la dose quotidiana di un cocainomane. La metodologia di ricerca segue un sistema fatto anni addietro dal CSIC per controllare la presenza di droga nelle acque residuali, ma lo studio delle acque è più preciso perché l'acqua tende a dirigersi verso uno stesso luogo, mentre per l'aria bisogna tener conto della direzione e della velocità del vento.

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it