torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Certo lui non sa"

all'Accademia di Belle Arti


giovedì 14 maggio si chiude il sipario su TeatrOltre, rassegna che 'abita' gli spazi teatrali di Fano, Pesaro ed Urbino, promossa dagli Assessorati alla Cultura dei rispettivi Comuni, dalla Fondazione Teatro della Fortuna di Fano, dalla Provincia di Pesaro e Urbino, dall'Amat, dalla Regione Marche e dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali. La conclusione è affidata agli studenti di Scenografia dell'Accademia di Belle Arti di Urbino che portano in scena - negli spazi dell'Accademia - Certo lui non sa. Appunti per uno spettacolo.

Lo spettacolo è una nuova opportunità per gli studenti di Scenografia di confrontarsi e misurare le loro abilità nell'officina della scena con l'aiuto di professionisti affermati, curiosi e disponibili a contaminare i segni della loro identità con un'innovativa proposta didattica. Attraverso il racconto Un Re in ascolto scritto da Italo Calvino nel 1970 (vero e proprio manuale di linguistica in cui nessuno strumento retorico sembra essere dimenticato) i giovani studenti studiano, interpretano e si avvicinano agli elementi della narrazione, ai codici simbolici e alla grammatica di questo testo letterario, attraverso le chiavi metaforiche che sono proprie dell'illusione teatrale.

"Affidare lo studio e l'interpretazione a dei giovani studenti - scrive Francesco Calcagnini docente di Scenografia dell'Accademia - significa permettere ad una generazione di avvicinarsi agli elementi della narrazione, ai codici simbolici e alla grammatica di questo testo letterario, attraverso le chiavi metaforiche che sono proprie dell'illusione teatrale, convinti che la scuola, oltre ad inseguire una continuità didattica, debba diventare il laboratorio privilegiato dove la parola ricerca e il tempo necessario per perseguirla siano spesi anche nella prassi. In quanto sede primaria di alta formazione, di specializzazione e di ricerca nel settore artistico e musicale, intendiamo offrire agli studenti un'esperienza in cui possano confrontarsi e misurare le loro abilità nell'officina della scena, con l'aiuto di alcuni professionisti affermati, curiosi e disponibili a contaminare i segni della loro identità con un'innovativa proposta didattica."

In scena gli attori/studenti Massimo Pagnoni, Claudio Tombini, Francesca Gabucci

Le musiche sono dell'orchestra Il suono trance.

Lo spettacolo è riservato a 30 persone a recita. Prenotazione obbligatoria.

3 rappresentazioni: ore 20, ore 21, ore 22.
Informazioni: 0722 320287.
Ingresso gratuito.

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it