torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

arte e mostre
"parole come armi"

la propaganda durante la Grande Guerra

di Manuela Mattei

Sino al 14 Giugno 2009, nelle sedi del Museo Storico Italiano della Guerra a Castello di Rovereto, si può ammirare la mostra "Parole come Armi", dedicata all'informazione propagandistica in essere durante la Grande Guerra.

Il suddetto evento culturale, ed il catalogo, sono stati realizzati con il contributo della Provincia Autonoma di Trento e della Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto. La guerra, che diede ulteriore impulso ad uno sviluppo industriale già in essere, portò ad un ampliamento degli armamenti, e all'utilizzo di grandi masse umane e di nuove "armi". La mobilitazione di grandi eserciti fece sorgere il bisogno di una comunicazione molto più netta e ficcante di cui si avvalse anche la propaganda legata a fini bellici, e, ancora più rilevante, nacque il bisogno di conoscere in maniera sempre più dettagliata il nemico, per sconfiggerlo, sfruttando i suoi punti deboli, nel minor tempo possibile.

Quindi oltre agli inevitabili blocchi commerciali di vario genere, furono impiegate altre strategie quali quelle comunicative della parola atte proprio a rafforzare le motivazioni psicologiche, sia individuali che di massa, per esaltare il coraggio dei combattenti e dipingere il nemico come un avversario privo di dignità e di valore umano.

Annichilire il nemico attraverso un'ottima comunicativa, facile non era, servivano della mete precise come proiettili per penetrare nelle mente e raggiungere l' obbiettivo giusto.

A quanto pare gli effetti prodotti da questa mirabolante guerra di parole non tardò assolutamente ad arrivare producendo grandi effetti sia a breve che a lungo termine.

Locandine con disegni satirici, giornalini, volantini con opuscoli usati quindi come armi in una guerra di esortazioni, di minacce, di invettive messe a nudo senza falsi pudori.

La mostra è corredata dal catalogo edito da MARCO MONDINI.

Museo Storico Italiano della Guerra
Via di Castelbarco7, Castello di Rovereto
Orario: da Martedi a Domenica ore 10:00-18:00 continuativo
Chiuso il Lunedì
Per informazioni 0464-438100
E-Mailinfo@museodellaguerra.it
Sul web: http://www.museodellaguerra.it

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it