torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cronache
Manu Scribere

festival italiano sulla Scrittura a Mano


Il Festival Manu Scribere, il primo festival italiano sulla Scrittura a Mano, torna nel centro storico di Bologna in Sala Borsa (Piazza Nettuno, 2) sabato 30 settembre e do- menica 1 ottobre e dedica questa sua seconda edizione ai giovani. A dialogare con loro scienziati, scrittori, artisti, grafologi e calligrafi che in 14 incontri, sviluppati nelle due giornate, incroceranno i loro pensieri e le loro riflessioni sull’importanza dello scrivere a mano. Il Festival (www.manuscribere.it) è organizzato da AGI, Associazione Grafologica Italiana in col- laborazione con l’Istituto Internazionale G. Moretti di Urbino e la Campagna per il Diritto di scrivere a mano.

«Questa edizione del festival mira a sensibilizzare il pubblico sull’importanza di educare fin da picco- li alla scrittura a mano e della necessità di tutelare la scrittura come patrimonio immateriale dell’u- manità – dichiara Guglielmo Incerti Caselli, presidente dell’Associazione Grafologica Italiana. Può certamente apparire paradossale, quasi provocatorio, portare in piazza la scrittura a mano in un momento storico in cui sembra destinata a tramontare. Eppure mai come in questi ultimi anni se ne parla e se ne stanno riscoprendo i benefici in ambiti di studio anche molto distanti fra loro. AGI vuole difendere il valore della scrittura a mano come grande e insostituibile patrimonio dell’uomo, che trova nella scrittura la sua vera espressione unica e inimitabile».

Agli incontri in programma si affianca un Evento speciale che sabato alle ore 18, nell’auditorium Enzo Biagi di Sala Borsa, vede ospite Cochi Ponzoni. In dialogo con l’attore Marco Pagani raccon- terà il suo intenso rapporto con la scrittura.

Ad aprire i lavori saranno l’on. Federico Mollicone, Presidente della Commissione VII – Cultura, Scuola, Università, Scienza, Ricerca, Editoria e Sport, e l’on. Monica Ciaburro, prima firma per il disegno di legge per l’istituzione della “Giornata nazionale della Scrittura a Mano”.

La giornata di sabato si inaugura con la lectio di Marco Aime, scrittore e docente di Antropologia culturale all’Università di Genova, che parlerà di Antropologia della scrittura a cui seguiranno gli incontri L’adolescente da nutrire della grafologa Carla Salmaso esperta di orientamento e Dal segno al disegno dell’illustratrice per ragazzi Cristina Portolano. L’ultimo incontro del mattino sarà con la rinomata scrittrice e autrice di libri per bambini e ragazzi Annalisa Strada che, forte anche della sua esperienza come insegnante, dialogherà con Guglielmo Incerti Caselli sull’importanza della scrittura a mano nella scuola italiana.

Carlo Nofri, portavoce del Coordinamento Nazionale delle Città Unesco dell’Apprendimento e Di- rettore del Festival della Calligrafia di Fermo, terrà il primo incontro pomeridiano parlando del Rico- noscimento Unesco della Scrittura Manuale come Patrimonio Immateriale dell’Umanità su cui AGI sta lavorando alacremente. Negli incontri a seguire saranno prese in considerazione altre modalità di scrittura attraverso discipline più moderne che animano il panorama giovanile contemporaneo: la Street art con Dalla carta al muro dello street artist e Urban artist Gep Caserta; la Tatoo art con Gilda Malakian e L’estetica del permanente. La Scrittura disegnata con il fumettista, illustratore e scrittore Otto Gabos. Conclude la prima giornata del festival il grafologo Antonello Pizzi, autore del libro Psicologia della scrittura (Armando editore) con un intervento dal titolo Modelli grafici giovanili nel mondo.

Il primo incontro della domenica sarà tenuto da Padre Fermino Giacometti, presidente dell’Isti- tuto Grafologico G. Moretti di Urbino, che farà Alcune riflessioni tratte dallo studio di scritture di bambini. La grafologa Barbara Di Giusto parlerà di Disgrafia: da problema a opportunità, mentre Rossella Certini, pedagogista, approfondirà il tema delle Scritture manuali: dalla multiculturalità all’inclusione culturale. La grafologa Iride Conficoni e la pediatra e medico chirurgo Annarita Di Buono affronteranno La realtà infantile fra normalità e patologia. Il festival si concluderà con la conferenza di Patrizio Bianchi, economista e politico italiano, già ministro dell’Istruzione col governo Draghi, su Educazione, emozione e creatività nello sviluppo individuale e sociale.

Il programma del festival propone anche esperienze hands on con workshop per bambini e adulti. I laboratori per i bambini, Laboratori di gioco e prescrittura proporranno: esercizi di disegno, di psicomotricità e di prescrittura. Guidati dall’esperta grafologa ed Educatrice del Gesto Grafico Nadia Zanzottera i bambini (dai 3 ai 12 anni) potranno raccogliere indicazioni preziose per una armoniosa e corretta crescita grafomotoria e per un sano sviluppo delle loro abilità grafiche. Gli adulti si potranno cimentare invece in Laboratori di calligrafia che saranno condotti dal calligra- fo e amanuense Aldo Iotti.

Il festival gode del patrocinio dell’UNESCO, della Regione Emilia-Romagna, del Comune di Bo- logna, della Biblioteca Sala Borsa, dell’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo, dell’INDIRE e dello IAAD.

Info e prenotazioni sul sito www.manuscribere.it

articolo pubblicato il: 24/09/2023

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it