torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

musica
Far finta di essere sani

al Teatro Menotti di Milano


Dal 13 al 30 dicembre torna al teatro Menotti “Far finta di essere sani” riscrittura del regista Emilio Russo del lavoro del 1973 di Gaber & Luporini. Andrea Mirò, Enrico Ballardini e l’ensemble “Musica da Ripostiglio” intrecciano parole e canzoni per raccontare lo spaesamento dell’Uomo comune, il Signor G, davanti ai cambiamenti continui del mondo. Sono passati quasi 50 anni, sono tanti. Stupisce e rincuora il fatto che Gaber sia riuscito ad anticipare i tempi. A scrivere la storia prim’ancora che questa fosse presente: terribilmente d’attualità, del resto lui era capace di raccontare la realtà come pochi al mondo, ma – allo stesso tempo – di andare oltre.

In Far finta di essere sani tutto questo è ancora più evidente seguendo il filo rosso di canzoni e monologhi dalla tematica certa e forte e ci piace molto l’idea e la possibilità di raccontarlo oggi. L’ironia si fa più dominante e a volte anche un po’ più aggressiva. Il tema che già trapelava negli spettacoli precedenti è quasi esclusivamente quello dell’“interezza”.  Pare che l’uomo attraversi una fase un po’ schizoide dove a volte il proprio corpo è assai distante da certi slanci ideali. L’analisi, anche se alleggerita dall’ironia, può sembrare pessimistica ma suggerisce la possibilità di abbracciare le più grosse realtà sociali partendo da se stessi. Gaber/Luporini sottolineano una certa incapacità di far convergere gli ideali con il vivere quotidiano, il personale con il politico. Il “signor G” vive, nello stesso momento, la voglia di essere una cosa e l’impossibilità di esserla. É forte, molto forte lo slancio utopistico.
Emilio Russo

Sul palcoscenico Andrea Mirò, un’artista eclettica come pochissimi altri in Italia, polistrumentista, autrice, cantante e direttore d’orchestra ed Enrico Ballardini, attore, musicista e cantautore. Le musiche sono arrangiate dalla travolgente band Musica da Ripostiglio, presente da anni sui palchi dei festival di jazz e sui palcoscenici teatrali di tutta Italia.

Il 13 dicembre, in occasione delle celebrazioni per il ventennale della scomparsa di Giorgio Gaber, il Teatro Menotti sarà sede di una serata dedicata all’artista meneghino. L’evento - realizzato in collaborazione con ITsART, Comune di Milano, 3D Produzioni, Fondazione Giorgio Gaber, all’interno di Milano è viva – avrà inizio alle 19:30 con la proiezione del documentario “Gioele Dix in: il mio Gaber – inediti e altre note”, una produzione originale ITsART realizzato da 3D Produzioni, in collaborazione con la Fondazione Giorgio Gaber e con il patrocinio del Comune di Milano.” La proiezione sarà preceduta dai saluti dell’Assessore Sacchi e di Gioele Dix, del Presidente della Fondazione Giorgio Gaber Paolo Dal Bon, dei rappresentanti di ITsART e della Produzione 3D. Coordinerà l’evento Emilio Russo. A seguire alle ore 21 lo spettacolo “Far finta di essere sani”.

PREZZI Intero - 32.00 € + 2.00 € prevendita Ridotto over 65/under 14 - 16.00 € + 1.50 € prevendita

TEATRO MENOTTI Via Ciro Menotti 11, Milano - tel. 0282873611 - biglietteria@teatromenotti.org

ORARI BIGLIETTERIA Dal lunedì al sabato dalle ore 11.30 alle ore 19.00, dalle 19.00 alle 20.00 solo nei giorni di spettacolo Domenica ore 14.30 | 16.00 solo nei giorni di spettacolo Acquisti online Con carta di credito su www.teatromenotti.org

ORARI SPETTACOLI Dal martedì al sabato ore 20 Il 13 dicembre, lo spettacolo sarà alle ore 21 Domenica ore 16.30 Lunedì riposo

articolo pubblicato il: 10/12/2022

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it