torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

spettacolo
tutti in cerca della sovvenzione

Girando per i teatri italiani di maggior risonanza, quelli che comunemente vengono definiti "dalle poltrone di velluto rosso" si incontra un tipo di spettatore dall'età media piuttosto avanzata. La domanda che viene da porsi è quale sarà il futuro del teatro quando la natura provvederà a sfoltire le file degli spettatori. C'è la speranza che i giovani che frequentano gli scantinati dove si fa ricerca vadano un giorno ad affollare i teatri di tradizione, ma è una speranza labile, perché è troppo diverso il tipo di offerta tra le due realtà.
La verità è che, come è successo per la lirica, i produttori italiani non hanno avuto il coraggio di puntare sul nuovo, cristallizzando il cartellone all'insegna della più rigida tradizione. Come il teatro lirico, salvo qualche episodica eccezione, è rimasto fermo all'ottocento e al primo novecento, così la commedia musicale, pur con la differenza che propone diverse novità ad ogni stagione, è ferma come sound agli anni cinquanta, gli anni d'oro dei grandi comici italiani. Cinquant'anni di musica moderna sembrano essere passati invano entrando nelle platee dei templi della commedia musicale. Per quanto riguarda la prosa sono ancora Goldoni e Pirandello gli autori più rappresentati; i nuovi si contano sulle dita di una mano, per lo meno quelli che riescono ad apparire sui cartelloni che contano.
Tutto ciò ha una ragione precisa: non esistono più i vecchi impresari disposti a giocarsi tutto su una novità. Oggi i produttori, quando non sono piccoli burocrati pubblici, sono imprenditori più legati alle sovvenzioni che lo Stato elargisce a chi può dimostrare di avere avuto un congruo numero di spettatori che non alla voglia di fare qualcosa di interessante.
Date queste premesse, il futuro del teatro italiano si presenta come una lunga agonia continuamente prolungata da robuste fleboclisi di denaro pubblico.

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it