torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

spettacolo
Don Gnocchi e Misurina
di Gianfranco Giuseppini

Monte Piana, una delle alture dolomitiche che domina il celebre lago di Misurina e il laghetto di Landro. adagiato nell'omonima valle che collega la Pusteria con Cortina d'Ampezzo e Auronzo di Cadore, è stato uno di più famosi ed insanguinati campi di battaglia nella Prima guerra mondiale, alla pari con il Carso, il Monte Grappa, le valli del Pasubio. Circola la notizia che sull'altura una troupe di Roma e di Torino sta girando un film sul famoso sacerdote, cappellano degli alpini sul fiume Don durante la Campagna di Russia nella Seconda guerra mondiale. Cosa centra allora don Carlo Gnocchi, interpretato da Roberto Accornero, con il Monte Piana? - si sono chiesti gli abitanti della zona.
La spiegazione è semplice. I registi Carlo e Paola De Biase avevano bisogno per ambientare una delle vicende di cui è stato protagonista don Gnocchi, nel caso in Russia, di una trincea e di una trentina di centimetri di neve. La postazione c'era in quanto Monte Piana è divenuto un museo all'aperto nel complesso delle "Vie della Pace" con il ripristino in parte della "cittadella" alpina. La neve pure. L'aiuto prestato poi dalla Brigata Tridentina, la stessa di cui fece parte don Gnocchi divenuto poi famoso come il sacerdote dei mutilatini e degli orfani del Dopoguerra, ha fatto il resto.
Così Monte Piana con "Amis ve raccumandi la mia baracca" è tornato ad essere un grandioso set cinematografico dopo altri numerosi film richiamanti vicende belliche quali "Addio alle armi" o "Il piccolo alpino". Non a caso dunque la scelta per una vicenda storica piena di umanità nei confronti del dolore delle piccole e grandi vittime belliche a 100 anni nel 2002 dalla nascita di don Carlo Gnocchi in quel di San Colombano al Lambro.

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it