torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cultura
la linea e il colore
di Loreto Michetti

Tutti gli oggetti del nostro mondo visivo possiedono - oltre ad altre caratteristiche - due attributi fondamentali: la forma e il colore.
Goethe riteneva che nel percepire il colore si determinasse la forma. " L' occhio - egli osservava nella sua Farbenlehre - non vede alcuna forma, in quanto soltanto chiaro, scuro e colore stabiliscono insieme ci che distingue un oggetto dall' altro e la parte di un oggetto dalle altre. E non dissimile il pensiero del Klee quando, nella sua Teoria della forma e della figurazione, afferma che il colore" in primo luogo qualit; in secondo luogo peso, in quanto non ha solo un valore cromatico, ma anche un' intensit luminosa; ed infine misura perch (...) ha anche dei limiti, un ambito, un' estensione - misurabile (...). La linea invece solo misura".
Colore come luce della forma dunque, per cui essa forma ha vita e consistenza spaziale all' occhio che la contempla.
Il problema del rapporto forma ( linea ) colore, tuttavia, non si risolve semplicemente cos come Goethe o Klee lo introducono. Se vero che l' occhio non percepisce la linea in quanto essa un' astrazione ( Merleau-Ponty, ne L' occhio e lo spirito, scrive che " non esistono linee visibili in s, il contorno della mela e il confine tra campo e prateria non sono qui oppure l, ma sono sempre al di qua o al di l del punto dove guardiamo") anche vero che nell' infanzia della storia come in quella della vita - se l' analogia lecita - l' uomo sente la linea quasi per istinto, in dipendenza del senso del tatto pi di quello della vista. " Prima penso e poi ci metto una linea intorno" rispondeva una bimbetta di quattro anni - cos riferisce William Preyer - a chi le chiedeva come facesse a dipingere. Il contorno la forma tradotta in linee: c' una forma davanti a me, io la concretizzo con delle linee, esse rappresentano l'itinerario del mio percepire intorno alla forma. Questa si fa, allora, cosa mia; io ne sento realmente l' esistenza.
Bisogna allora convenire con l' Arnheim quando, in una delle sue opere pi lette, afferma che forma e colore " soddisfano entrambi alle due caratteristiche funzioni della visione: trasmettono l' espressione e ci permettono di ottenere l' informazione tramite l' identificazione degli oggetti e degli avvenimenti". Ed aggiunge che " se la forma un mezzo di comunicazione pi efficace del colore, d' altro lato, l' urto espressivo del colore non possibile ottenerlo con la forma".

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it