torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

attualità
il "glocal" e la cittadinanza pluralista
di Luciano Amatucci

Il neologismo "glocal" (global + local) si Ŕ accreditato per designare il processo dialettico tra i poli del mondiale/globale e del locale, che caratterizza il nostro tempo. In questo processo, tra gli estremi rappresentati dal mondo e dalle istituzioni locali minori, si collocano i continenti, le nazioni, e le regioni. Ne deriva un impianto pluralista, articolato per livelli, che si manifesta, in particolare, nei campi del diritto, dell'economia, della cultura e della societÓ.
Sul piano giuridico, risulta evidente la concorrenza di distinti livelli istituzionali e normativi, che si traducono, per quest'ultimo aspetto, in norme di diritto internazionale, norme europee, leggi nazionali, leggi regionali, regolamenti degli enti locali.
Sul piano economico, il fenomeno della globalizzazione (che si manifesta nella stretta interdipendenza dei mercati, fino alla configurazione di un mercato unico mondiale) concorre con la presenza di un mercato europeo e di economie regionali e locali.
La pluralitÓ dei livelli si esprime nella figura della cittadinanza pluralista, che supera la comune nozione giuridica di cittadinanza (come titolaritÓ di diritti e doveri all'interno di un ordinamento statale), e riflette l'appartenenza di ciascun individuo a pi¨ livelli. Si tratta di una figura con valenza giuridica (nel senso della rispondenza a sistemi normativi diversi) e con pi¨ marcata impronta culturale.
In sostanza, posso essere fiorentino, avvertire il legame con la cultura toscana, riconoscermi come italiano, e sentirmi ad un tempo cittadino dell'Europa e del Mondo. La formula si presta anche per legittimare il riferimento dei migranti a ordinamenti territoriali e ad ambiti culturali distinti.
Chiaramente, lo schema della cittadinanza pluralista esprime, in linea di principio, la conciliabilitÓ delle diverse appartenenze, ma lascia aperta la discussione sui rapporti e sulle gerarchie tra i diversi livelli e sulle relative sistemazioni giuridiche.
Soccorre qui il principio di sussidiarietÓ per il quale i pubblici interventi debbono svolgersi il pi¨ vicino possibile al cittadino: si passa al livello pi¨ elevato soltanto se ci˛ Ŕ reso necessario dalle dimensioni o dalle caratteristiche dei problemi da risolvere.

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it