torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cultura
l'Odissea, a modo mio
di Vittoria Martinelli

"L'Odissea è, per me, il poema del viaggio ancor più di quello del ritorno": da questo principio è nata l'ispirazione di Luigi Simonetta, culminata poi nella creazione di quindici dipinti che saranno esposti dall'11 al 30 luglio a Venezia, alla Galleria Venezia Viva di Campo Sant'Angelo.
L'artista, come già fece Dante nel canto ventiseiesimo dell'Inferno, immagina che Ulisse, tornato ad Itaca, decida di ripartire nuovamente "per seguir virtute e conoscenza". La vicenda è vista in chiave odierna: i protagonisti indossano abiti moderni e vengono paragonati ad ammiccanti Lolite (Nausicaa), a noncuranti fumatori di spinelli (i compagni di Ulisse) o ad assordanti cantanti rock (le Sirene).
L'inaugurazione si terrà giovedì 11 luglio, alle ore 18 e 30. Quanto sopra è uno dei molteplici esempi di come la figura di Ulisse sia stata nelle varie epoche spunto per diversi artisti, quali ad esempio Foscolo, Tennyson, Joyce, Pascoli, D'Annunzio, Saba.

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it