torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

storia
Bixio sul Mare

Girolamo Bixio, detto Nino, icona del Risorgimento per le sue imprese militari affianco di Garibaldi e da una trentina d'anni a questa parte considerato da alcuni feroce fucilatore di braccianti siciliani, fu in realtÓ sempre uomo di mare, prestato per periodi pi¨ o meno lunghi alla terraferma.

Nato a Genova il 2 ottobre 1821 da una famiglia di impiegati statali, con la perdita della madre a soli nove anni si sband˛ completamente, facendosi espellere da scuola per aver tirato un calamaio in faccia al maestro. Preferiva mischiarsi a quell'umanitÓ variopinta che frequentava il porto. Dormiva spesso nei sottoscala delle viuzze e mangiava quello che gli capitava, dimenticandosi per giorni di farsi vedere a casa. Fu cosý che il padre ritenne opportuno, per raddrizzarlo, farlo imbarcare come mozzo, a tredici anni, sul brigantino Pilade e Oreste, in partenza per il Sud America con un carico di vino siciliano. Passarono pi¨ di tre anni, navigando su e gi¨ lungo le coste del Brasile, prima che il brigantino, carico di caffŔ, cacao ed altri prodotti esotici, facesse ritorno al porto di Genova. Buttato fuori di casa dal padre che voleva che riprendesse gli studi, visse per qualche mese di espedienti fin quando, per evitare il carcere per rissa, si risolse ad arruolarsi nella marina sarda. Stette in marina quasi sette anni, di cui sei imbarcato, prima sulla corvetta Aquila, sulla quale navig˛ fino al Baltico e fece carriera fino a capo gabbiere di bompresso, poi, come allievo pilota, sul Gulnara, il primo bastimento a vapore della marina sarda (a ruote e con vele d'appoggio), dove riprese a studiare, da autodidatta. Riscattatosi dalla leva con un prestito, nel 1845 ottenne un imbarco come primo ufficiale sul brigantino Indomito , ma a Rio de Janeiro l'imbarcazione fu venduta a due inglesi che, ribattezzatala Hermione, volevano adibirla al traffico degli schiavi con Bixio capitano, dato che il comandante era rientrato in patria sul legno Eugenia. Bixio non ci stette; fracass˛ con il calcio del revolver la mascella di uno degli armatori e minacci˛ di morte l'altro. Dopo un periodo di cabotaggio lungo le coste del Brasile, come capitano del brigantino-goletta Isabella, Bixio si pag˛ il viaggio di ritorno sulla Graziosa Fanny e sbarc˛ di nuovo a Genova. Non ci rest˛ molto. Per sfuggire alle ire dei parenti inviperiti perchÚ aveva sedotto la nipote (che anni dopo diverrÓ sua moglie) non trov˛ di meglio che imbarcarsi come semplice marinaio sul brigantino americano Santa Clara in partenza per Sumatra. Qui visse un'avventura straordinaria. Accortosi che il capitano si dedicava a loschi traci, scapp˛ a bordo di una zattera assieme ad altri tre genovesi, ma la zattera si infranse sugli scogli e uno dei quattro, un certo Parodi, fu divorato dagli squali. Accolti da una trib¨ malese, furono trattati con ogni riguardo (la regina si era incapricciata di lui) fino a quando non rifiutarono di farsi musulmani. Portati al mercato degli schiavi per essere venduti, furono salvati dal capitano del Santa Clara, che li riprese a bordo fino all'arrivo a Salem. Bixio si imbarc˛ subito sul clipper New England e sbarc˛ ad Anversa, malato di malaria. Cominciarono le sue avventure di terra, quelle che gli hanno dato un posto nella storia. Nel 1850, dopo la fine della Repubblica Romana, ottenne il brevetto di capitano di lungo corso; due anni dopo s'imbarc˛ per il Sud America come primo ufficiale sul Popolano. Negli anni seguenti comand˛ l'Italia, il San Giambattista e il Ninica. TenterÓ di diventare armatore, ma sarÓ costretto a vendere, prima il Goffredo Mameli, poi il Marco Polo. Per anni non and˛ pi¨ per mare, salvo la breve avventura del Lombardo, da Genova a Marsala, e del Torino, per traghettare i garibaldini in Calabria. Generale dell'esercito regolare, senatore del regno, sembrava che le sue avventure fossero finite. Volle invece rifarsi armatore e, a bordo del vapore Maddaloni, fece rotta per i mari del Sud. A Batavia si ammal˛ di colera e spir˛ il 16 dicembre 1873. Solo quasi quattro anni dopo le sue spoglie furono imbarcate sul Cristoforo Colombo per l'ultimo viaggio verso Genova.

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it