torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

attualità
quelli che... all'età della pietra

E' passata quasi sotto silenzio la morte (a 103 anni) di Lorna Marshall, l'antropologa statunitense che ha passato più di cinquant'anni della sua vita fra i boscimani del deserto del Kalahari. Se ne è andata in un silenzio simile a quella che circonda la tragedia del popolo Kung (così vengono chiamati i boscimani nelle lingue africane). Questa razza di antichissimi abitatori dell'Africa subsahariana è a rischio di genocidio da parte della maggioranza bantu che governa il Botswana, lo stato in cui gli ultimi discendenti degli antichi abitanti di vaste zone della Namibia, dell'Uganda, dell'Etiopia e della Repubblica sudafricana sopravvivono secondo uno stile di vita risalente all'età della pietra. Perché i boscimani, oggetto di razzismo per la loro pelle color crema, non conoscono la pastorizia e l'agricoltura; gli uomini si dedicano alla caccia, le donne alla raccolta di erbe e bacche. Il governo tende a racchiuderli tutti in riserve dove i boscimani perdono la loro identità e finiscono per dedicarsi all'alcool. Ultimamente le autorità del Botswana hanno rifiutato aiuti della Comunità Europea per fornire acqua a sufficienza alle tribù che soffrono una sete secolare. Si è pretesa una specie di licenza di caccia in base alla quale ogni cacciatore non può abbattere più di tre antilopi all'anno, malgrado che non si tratti di un animale in via di estinzione e che venga apprezzata la caccia da parte dei ricchi turisti europei e americani. Ma i boscimani, con la loro esistenza, danno fastidio all'industria estrattiva; il territorio è ricco di diamanti e le grandi società minerarie sudafricane sono interessate a creare miniere e infrastrutture. Sono passati più di trent'anni da quando, grazie ai libri della Marshall, antropologi, sociologi e semplici lettori si appassionarono agli usidi questo pacifico popolo (le controversie tra i clan si dirimono a colpi di filastrocche sarcastiche). Lorna Marshal, due lauree in due prestigiose università americane, dopo gli inizi come ballerina si era sposata con un facoltoso uomo d'affari; quando il marito decise di aver lavorato (e guadagnato) abbastanza stabilirono di come accordo di andare a vivere in qualche posto sperduto e sulla carta geografica l'indice di Lorna si fermò sul deserto del Kalahari. Fu per caso, quindi, che oggi sappiamo tutto sulle usanze dei boscimani; la loro dieta a base di carne, quando c'è (in certi giorni si nutrono di formiche, api, lucertole), i loro bambini che vengono allattati anche fino ai quattro anni, non possedendo animali, la dignità di cui godono le loro donne, che possono chiedere il divorzio quando vogliono. Tutto questo rischia di scomparire e con esso la testimonianza vivente dei costumi dell'uomo della pietra prima che scoprisse la pastorizia.

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it