torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cronache
"Parole e Musica"

convegno a Bitonto


Si è svolto a Bitonto, nella Biblioteca comunale “E. Rogadeo” il Convegno Nazionale “Parole e Musica. Dalla cinquecentina al manoscritto musicale”, organizzato dall’Associazione Musicale Culturale "Davide delle Cese" in collaborazione con la Cooperativa Fe.Art e la Cooperativa Ulixes s.c.s.

In quest’occasione è stato presentato il lavoro biennale dell’omonimo progetto finalizzato al recupero, alla salvaguardia e alla valorizzazione del materiale librario raro e prezioso ideato dall’associazione bitontina diretta dal maestro Vito Vittorio Desantis, che ha recuperato numerosi libri e manoscritti musicali di Michele Carelli, custoditi nella Biblioteca Comunale, donandogli una nuova veste, facilitandone la fruizione. Numerosi spartiti ottocenteschi, infatti, sono stati digitalizzati. Un patrimonio sommerso restituito al pubblico grazie anche a l’Associazione Omphalos che ha recuperato e restaurato gli incunaboli e le cinquecentine. Questo studio è nato dal finanziamento ottenuto dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri nell'ambito del bando "Giovani per i Beni Culturali".

“Restaurare il fondo Carelli è stata quasi un’esigenza. Michele Carelli è stato un compositore eccezionale, e che ha vissuto interamente a Bitonto. La sua produzione è rimasta relegata in questa città, rimanendo anche in ombra. È per questo che, sulla scia di altri studi – realizzati per esempio dal Prof. Giuseppe Moretti – abbiamo deciso di iniziare questa operazione di restauro” ha dichiarato Vito Vittorio Desantis, aprendo il Convegno dopo i saluti istituzionali dell’Assessore al Marketing Territoriale Rino Mangini che si è fatto portavoce di stima: “Un’operazione importante, quella svolta dal Maestro Desantis. Un’operazione di tutela, di conservazione, di valorizzazione in chiave contemporanea di tutto questo enorme patrimonio culturale e musicale di cui siamo detentori. E il Maestro lo fa anche in chiave internazionale, considerata la presenza di qualche settimana fa a Valladolid, in Spagna”.

Numerosi gli interventi ascoltati, moderati dalla dott.ssa Liliana Tangorra, tutti incentrati sull’ottocento e sui musicisti pugliesi, con un focus attento alla figura del compositore bitontino che Dinko Fabris, docente di Storia della Musica all’Università degli Studi della Basilicata a Matera, ha definito come “la naturale prosecuzione di quel fenomeno di migrazione di musicisti pugliesi verso Napoli, inaugurato due secoli prima. Senza il ritorno di questi musicisti, la Puglia non sarebbe la culla di talenti che è”.

Tra gli altri relatori Luigi Sebastiano Lauta, docente di Educazione musicale Istituto Comprensivo Statale" Modugno-Rutigliano-Rogadeo" di Bitonto, Paolino Addesso, docente di Strumentazione per Banda Conservatorio di Musica San Pietro a Majella, Nicola Pice, presidente della “Fondazione De Palo-Ungaro”, Antonio Sicolo segretario dell’Arciconfraternita Santa Maria del Suffragio di Bitonto, Domenico Ferrovecchio, segretario dell’ Arciconfraternita del SS Rosario di Bitonto e Leonardo Marrone dell’Omphalos - Conservazione e restauro di opere d’arte di San Ferdinando di Puglia.

Ad arricchire l’appuntamento, l’inaugurazione della Mostra omonima che sarà dislocata su due poli (Biblioteca Comunale “E. Rogadeo” e Fondazione De Palo-Ungaro sita in via Mazzini,44 Bitonto) composta dai manoscritti del Carelli, incunaboli e Cinquecentine restaurate e non, con dei pannelli didattici esplicativi e totem multimediali che sarà aperta non solo alle scuole bitontine, ma anche a curiosi ed appassionati sino al 19 Aprile. Il 6 Aprile, invece, presso la Chiesa di San Domenico, alle ore 19:00, un concerto dedicato al musicista bitontino organizzato sempre dall’Ass. Musicale Culturale Davide delle Cese.

articolo pubblicato il: 01/04/2019

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it