torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

attualità scientifica
nuova ricetta

L'alga verde o rossa o marrone è presente da molto tempo nella cucina giapponese. In particolare, l'alga marrone, undaria pinnatifida, è usata come ingrediente base per una rinomata ed apprezzata zuppa. E' stato scoperto che contiene una sostanza, la fucoxantina, che potrebbe essere utilizzata per combattere l'obesità. Topi, cui è stata somministrata, hanno perso il 10% del loro peso originario soprattutto nella zona che circonda l'intestino. Ma bere grandi quantità di zuppa non serve a nulla perché la fucoxantina non viene ben assorbita nella sua forma naturale. Solo l'alga marrone contiene ad alti livelli questa sostanza, assente del tutto nell'alga verde e nell'alga rossa, tutte e tre i tipi di alga sono comunque presenti nei piatti giapponesi e asiatici in genere.

I ricercatori giapponesi hanno osservato che la fucoxantina agisce in due modi. Negli animali obesi stimola la produzione di una proteina, la UCPI, che scioglie il grasso. La UCPI è presente nel grasso del tessuto adiposo bianco, responsabile dell'aumento di peso in età matura.

L'eccesso di grasso sul giro-vita è associato generalmente a malattie del cuore e al diabete.

Contestualmente, la fucoxantina fa sì che il fegato produca un composto chiamato DHA, che può ridurre il colesterolo cattivo associato all'obesità e alle infermità del cuore.

Tutti gli animali sottoposti all'esperimento, circa duecento topi tra maschi e femmine, non hanno manifestato effetti collaterali.

I ricercatori giapponesi pensano di poter commercializzare una pillola con questa sostanza fra tre o cinque anni. Non sarà un ritrovato rivoluzionario perché in commercio già esistono prodotti chimici in grado di combattere l'obesità. Giova da ultimo ricordare che comunque naturali o chimici tutti i medicinali vanno accompagnati da cambiamenti nello stile di vita e di alimentazione.

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it