torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

arte e mostre
Tazio Secchiaroli
di Manuela Mattei

A CinecittÓdue Arte Contemporanea, al Centro Commerciale CinecittÓdue, a Roma, la mostra fotografica 'Tazio Secchiaroli: G. Mastorna, opera incompiuta', curata da David Secchiarioli, promossa dal X Municipio, dall'Associazione Commercianti del Centro Commerciale e da CinecittÓ Studios, che racconta la giornata in cui, nella sede dell'Istituto Luce, a CinecittÓ, Federico Fellini realizz˛ le prove per il film 'Il viaggio di G. Mastorna detto Fernet', opera che mai vide la luce anche se pi¨ volte ripresa dal grande maestro.

In tutto oltre una cinquantina di immagini scelte anni fa dallo stesso Tazio Secchiaroli oltre ad alcune mai stampate, scattate sul set, che ancora oggi denunciano la stretta complicitÓ tra il regista e l'attore protagonista, Marcello Mastroianni, nei panni di un violoncellista smarrito che cerca di realizzare la sceneggiatura di un film legato alle esperienze psicoanalitiche di Fellini.

Un reportage fotografico realizzato da Tazio Secchiaroli, unico fotografo presente sul set, nel lontano 1966 e per oltre trenta anni mai pubblicato, che dopo quarant'anni ritorna nei luoghi in cui fu realizzato, per rendere, unica testimonianza di un'opera incompiuta del regista riminese, un dovuto ricupero della memoria...

Immagini in b/n, riportate in un volume edito da Sellerio, che ben evidenziano la maturitÓ artistica raggiunta da Secchiaroli, con inquadrature surreali, immerse in un atmosfera di inquietudine, la stessa che coinvolse un Fellini che per la prima volta affrontava il tema della morte, rimanendone profondamente colpito.

A CinecittÓdue Arte Contemporanea, in viale Palmiro Togliatti a Roma, sino al 19 febbraio 2006, con orario dal lunedý al sabato dalle ore 10,30 alle 19,30, ivi inclusa domenica 15 gennaio. L'ingresso Ŕ gratuito.

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it