arte e mostre
"Natale alla Reggia"
di Rossella Vasta

Antonella Parlani è un'artista maestro incisore che in questa mostra coniuga entrambe le sue passioni: l'attività grafica - dal sapere antico che affonda le sue radici nei capolavori di Durer, Rembrant, Goya..- e quella per il Presepe che in terra francescana trova le sue origini.

Antonella, una dei maestri incisori della Galleria del Cantico di S. Damiano, ha da sempre frequentato l'ambiente francescano, sin da quando giovanissima apprende quest'arte "a bottega" da Padre Diego Donati un frate francescano tra i più grandi maestri incisori italiani.

Il Presepe come tema sacro e tutta la simbologia ad esso connesso, è una costante nell'opera della Parlani che da anni lavora alla realizzazione dell'evento "Presepe a Corciano" che vede la "mise en scene" della natività e le storie ad essa collegate, nella bellissima cittadina di Corciano.

Artista colta, coltiva da sempre assieme al marito Gennaro Spera di origine napoletana, la passione per il Presepe Napoletano e colleziona presepi di ogni sorta e materiale e per anni ha organizzato mostre tematiche sul tema del presepe. Da alcuni anni si dedica alla realizzazione di presepi di carta che richiamano una tradizione artistica che va dal Londonio, con i famosi presepi dipinti nel '700, sino ai noti stampatori quali i Soliani a Modena e i Vallardi a Milano che dal '600 all'800 impiegano la tecnica incisoria operando direttamente su lastre di rame o di zinco con la tecnica a "pochoir".

Nei suoi "Presepi di Carta" Antonella Parlani reinterpreta la tradizione con una sensibilità ed una linfa creativa nuova, coniugando l'attività incisoria e riesumando l'antica abitudine dei "presepi a teatrino" che affascinavano i bambini regalando la magia del Natale anche laddove la povertà dei mezzi non consentiva l'uso di materiali più pregiati. La carta, materiale povero e accessibile con la quale Parlani realizza le "maquettes" tridimensionali con "papier coupé" di immagini incisorie tratte da libri d'epoca o create direttamente dall'artista, diviene materia preziosa dove contenuto e contenitore sono un tutt'uno perché il presepe si apre "a libro" sfruttando le pagine per realizzare vere e proprie sculture presepiali di carta, nella leggerezza, l'armonia delle parti e l'epifania dell'arte.

Opere d'arte autonome come i famosi "Cahiers d'Artistes" , i presepi di carta della Parlani sono dei piccoli capolavori e come tali vanno fruiti!

Natale alla Reggia
I presepi di carta di Antonella Parlani
Arte con i libri e vecchie pagine trasformate in sculture
Reggia di Caserta
Appartamento storico
Sale della Biblioteca Palatina
8 dicembre 2017 - 8 gennaio 2018
Si ringrazia la Direzione della Reggia di Caserta

articolo pubblicato il: 07/12/2017