periodico di politica e cultura 25 febbraio 2018   |   anno XVIII
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

musica: al Teatro Piermarini di Matelica

Orchestra Filarmonica Marchigiana

Ancora musica venerdì 16 febbraio al Teatro Piermarini di Matelica con la FORM – Orchestra Filarmonica Marchigiana che offre al pubblico del Piermarini una prestigiosa occasione di incontro con il grande repertorio classico in un concerto proposto nella stagione musicale promossa dal Comune di Matelica con l’AMAT.

Nuances: sfumature, ovvero tutto ciò che in musica esprime vaghezza, infinito, gradualità e trasformazione in divenire dei colori e delle sensazioni. In questa dimensione poetica si colloca il programma del concerto, affidato alla direzione di David Crescenzi. Una dimensione espressa con straordinaria raffinatezza coloristica, tipica della tradizione musicale francese, dai celebri brani di Bizet Jeux d’enfants, Petite Suite d’orchestre op. 22 e Debussy Prélude à l’après-midi d’un faune qui proposti, che si compenetra naturalmente con la trasparente leggerezza della musica di Mozart: quella del Concerto per fagotto K. 191, interpretato dal giovane Andrea Cellacchi, vincitore del VI Concorso Internazionale di fagotto “G. Rossini” di Pesaro, e quella della Sinfonia n. 29 in la magg. K. 201, composizione orchestrale tra le più importanti del periodo salisburghese del grande musicista austriaco ispirata al sentimento della letizia.

Andrea Cellacchi, nato a Roma nel 1997 è figlio di genitori musicisti. A 10 anni inizia lo studio del fagotto e a 16 si diploma con lode e menzio-ne d’onore presso il Conservatorio di Musica “O. Respighi” di Latina. Siimpone a 18 anni all’attenzione internazionale vincendo il 1° Premio all’Aeolus International Competition di Düsseldorf e il 1° Premio al The Muri Competition 2016, primo italiano ad aggiudicarsi questi prestigiosi riconoscimenti. È inoltre vincitore del Premio Abbado 2015 e del 1° Premio nei Concorsi Internazionali di Fagotto “AudiMozart 2016”, “G. Rossini” di Pesaro e “Città di Chieri”. Nel 2017 ha ottenuto il Premio “Antonin Reicha” nell’ambito dell’International Summer Academy dell’Università di Vienna. A 15 anni viene ammesso press l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, dove ha frequentato il Corso di Perfezionamento di Fagotto tenuto dal M° Francesco Bossone. A 19 anni vince il posto di Primo Fagotto Solista nell’Orchestra del Konzerthaus di Berlino diretta da Iván Fischer, suonando in sale prestigiose come Konzerthaus e Philharmonie di Berlino e l’Elbphilharmonie di Amburgo. Si è esibito come solista con le orchestre Münchner Symphoniker, Izmir State Symphony Orchestra, Meininger Hofkapelle, Düsseldorfer Symphoniker, Argovia Philharmonic, Bad Reichenhaller Philharmonie, Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari. Nel 2016 gli è stata conferita la Medaglia della Camera dei Deputati come riconoscimento al talento, assegnata a giovani musicisti vincitori di premi internazionali.

Per informazioni: biglietteria del teatro 0737 85088. Inizio concerto ore 21.15.

articolo pubblicato il: 13/02/2018

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy