periodico di politica e cultura 18 febbraio 2018   |   anno XVIII
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

musica: a Palazzo Marino di Milano

"Il canto delle gentildonne"

Palazzo Marino in Musica Stagione 2018. VII Edizione Chiaroscuri e dissonanze. Da Monteverdi a Caravaggio. 11 febbraio – 11 marzo – 8 aprile Sala Alessi – Palazzo Marino Piazza della Scala, 2. Milano La rassegna Palazzo Marino in Musica inaugura, domenica 11 febbraio, la nuova stagione 2018 con un ciclo di tre concerti di musica antica, dal titolo Chiaroscuri e dissonanze. Da Monteverdi a Caravaggio, realizzati in collaborazione con le Gallerie d’Italia – Piazza Scala. Palazzo Marino in Musica accompagna la mostra “L’ultimo Caravaggio. Eredi e nuovi maestri”, allestita alle Gallerie d'Italia di Milano fino a domenica 8 aprile, con tre concerti di musica antica (11 febbraio, 11 marzo, 8 aprile), in un ricercato percorso musicale che parte dalla maturità del Rinascimento, carico di ricchezza espressiva, sino alle nuove forme compositive del primo Barocco.

Ad aprire la stagione, domenica 11 febbraio alle ore 11.00, saranno tre giovani artiste, che presentano un programma di arie e madrigali a voce sola, nel quale saranno eseguite anche alcune pagine musicali scritte dalle compositrici Barbara Strozzi e Francesca Caccini. Un concerto al femminile, nel quale il canto (Francesca Cassinari, soprano), accompagnato da arpa doppia (Flora Papadopoulos) e viola da gamba (Noelia Reverte Reche), inscena un testo poetico che si dipana un’affettuosa espressività, unita quei contrasti e chiaroscuri sonori, che si ritrovano, in pittura, nelle tele di Caravaggio.

Agli albori del Barocco la musica vocale si intreccia in modo speciale con la storia del liuto, strumento mediterraneo che, per la sua duttilità e dolcezza, ha conquistato le corti dell’intera Europa Rinascimentale, come testimoniano anche i celebri dipinti di Caravaggio e di altri numerosi pittori del Seicento. Domenica 11 marzo il Quartetto di Liuti da Milano offre l’occasione per ascoltare una rara formazione musicale che ricrea gli ambienti sonori degli antichi palazzi nobiliari, nei quali il liuto era lo strumento più amato, proponendo sia pagine strumentali, tratte dal repertorio delle danze, sia brani vocali in forma strumentale (madrigali e canzonette).

Ad accompagnare l’ultimo giorno della mostra alle Gallerie d’Italia, domenica 8 aprile, sarà un eccezionale quintetto vocale proveniente dalla prestigiosa Schola Cantorum Basiliensis di Basilea con un concerto dedicato alla più alta e colta espressione della musica vocale rinascimentale e del primo Seicento: il madrigale. L’ensemble Domus Artis, composto da musicisti provenienti da differenti paesi (Argentina, Brasile e Ungheria), eseguirà, insieme ad alcuni capolavori del compositore cremonese, anche brani di Cipriano de Rore, Giaches de Wert, Sigismondo d’India e Luca Marenzio.

I tre appuntamenti musicali, accostando idealmente i due grandi protagonisti del Seicento Italiano, Claudio Monteverdi e Michelangelo Merisi, dialogano con le opere d'arte esposte nella sede museale di Intesa Sanpaolo, offrendo al pubblico l’occasione per spaziare fra i diversi linguaggi dell’espressione artistica e approfondire, in musica come in pittura, un periodo fondamentale della storia dell’arte italiana.

Domenica 11 febbraio, ore 11.00 Il canto delle gentildonne Il Caleidoscopio Ensemble

Il Caleidoscopio Ensemble, in collaborazione con il soprano Francesca Cassinari, propone al pubblico un affascinante viaggio nella musica del primo Seicento italiano, che vede emergere, in musica come in pittura, grandi ingegni e arditi sperimentatori di nuovi stili. La forma prediletta è il canto monodico, dove spicca in primo piano la melodia della voce sola, che inscena il testo poetico in maniera immediata, chiaramente intelligibile. Il basso continuo, in questo caso realizzato dalla viola da gamba e l’arpa, è un sostegno al divagare del canto. Un concerto che vede esibirsi tre giovani artiste, in un programma che propone anche alcuni rari brani delle compositrici Barbara Strozzi e Francesca Caccini.

Programma: Barbara Strozzi (1619-1677), “Amor dormiglione” (Ariette a voce sola op. 6, 1657) Francesca Caccini (1587-1651), “Dispiegate guance amate” (Il primo libro delle musiche, 1618) Alessandro Piccinini (1566-1638), “Ciaccona su partite variate” (Intavolatura di liuto e chitarrone I libro, 1623) Claudio Monteverdi (1567-1643), “Quel sguardo sdegnosetto” (Scherzi musicali, 1632) Girolamo Frescobaldi (1583-1643), “Toccata” (Manoscritto Ghigi Biblioteca Apostolica vaticana) Domenico Mazzocchi (1592-1665), “Lagrime amare” (Musiche sacre e morali, 1640) Girolamo Frescobaldi (1583-1643), “Canzon prima a basso solo” (Canzoni da sonar a due, tre, quattro per ogni sorta di stromenti, 1628) Stefano Landi (1587-1639), “Augellin” (Arie a una voce, 1620) Sigismondo d’India (1580?-1629, “Piangon al pianger mio” (Le musiche del Sign. Sigismondo d’India I libro, 1609) Girolamo della Casa (?-1601), “Anchor che col partire di Cipriano de Rore diminuito” (Il vero modo di diminuir con tutte le sorti di stromenti Libro II, 1584) Francesca Caccini, “Chi desia di saper” (Il primo libro delle musiche, 1618) Barbara Strozzi, “Che si può fare” (Arie op.8, 1664)

Il Caleidoscopio Ensemble Francesca Cassinari, voce Flora Papadopoulos, arpa doppia Noelia Reverte Reche, viola da gamba

Ingresso gratuito con prenotazione a partire dalle 14.00 del giovedì precedente ogni concerto. Per motivi di sicurezza, al momento dell’ingresso a Palazzo Marino, è obbligatorio mostrare un documento di riconoscimento. 80 biglietti gratuiti potranno essere riservati online sul sito www.palazzomarinoinmusica.it a partire dalle 14.00 del giovedì precedente ogni concerto. 40 biglietti gratuiti saranno disponibili presso InfoMilano - Ufficio Informazioni Turistiche a partire dalle ore 14.00 del giovedì precedente ogni concerto. Per ritirare i biglietti cartacei è necessario comunicare il proprio nominativo e quello del proprio accompagnatore. Sarà possibile ritirare fino a due biglietti a persona. InfoMilano - Ufficio Informazioni Turistiche Galleria Vittorio Emanuele angolo Piazza della Scala Tel. 02 88 45 55 55 Orari d’apertura: lunedì - venerdì 9.00-19.00; sabato: 9.00-18.00. I biglietti, online e cartacei, non potranno essere ceduti a terzi.

La settima edizione di Palazzo Marino in Musica proseguirà a maggio con la seconda parte della stagione 2018, intitolata Sentieri d’Oriente. La rassegna Palazzo Marino in Musica, patrocinata dal Comune di Milano e giunta alla sua settima edizione, è sostenuta da Intesa Sanpaolo. È organizzata dall’Associazione EquiVoci Musicali sotto la direzione di Rachel O’Brien. La direzione artistica è a cura di Ettore Napoli e Davide Santi.

Palazzo Marino in Musica Stagione 2018, VII Edizione Sala Alessi - Palazzo Marino Piazza della Scala, 2. Milano Direzione Artistica: Ettore Napoli, Davide Santi Direttore di Produzione: Rachel O’Brien Assistente di produzione: Francesca Napoli Organizzazione: EquiVoci Musicali www.palazzomarinoinmusica.it info@palazzomarinoinmusica.it

articolo pubblicato il: 08/02/2018

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy