periodico di politica e cultura 23 gennaio 2018   |   anno XVIII
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

cronache: a Carpi

iniziative Appenappena

La sede dell'Associazione culturale Appenappena, in via Paolo Guaitoli 36/a a Carpi (Mo) propone un weekend ricchissimo di iniziative: sabato 20 tornano sul palco dell' AppenAppena, dopo il successo della scorsa estate all'interno del festival Concentrico, Giuseppe Ciciriello e Piero Santoro con lo spettacolo teatrale “Pirati” e domenica 21 propongono il loro nuovo spettacolo di teatro ragazzi “Peppino e il tesoro dei briganti”. Domenica 21, il pubblico serale potrà ascoltare in anteprima il primo lavoro musicale di RiccaBoy giovane musicista carpigiano. Ricordiamo anche i laboratori, una novità di questa stagione, dei prossimi weekend: il Corso di fotografia essenziale sabato 20 e domenica 21 gennaio con Marcello Donadelli e il Corso di dizione e public speaking sabato 27 e domenica 28 gennaio con la docente Barbara Corradini. Saranno disponibili le nuove tessere per il 2018.

Sabato 20 gennaio alle ore 19.00 la sede aprirà per il consueto aperitivo e alle 21.15 torna il teatro sul palco dell'AppenAppena con Giuseppe Ciciriello e Piero Santoro nello spettacolo “Pirati”. Reduci dal successo ottenuto la scorsa estate all'interno del festival Concentrico i due artisti pugliesi ripropongono il loro “sproloquio Piratesco farfugliante sulla giustizia per attore, fisarmonica e una botte di rhum” che racconterà di: legalità, inclusione, pregiudizio, stereotipi, rispetto dell’altro e autodeterminazione. Due Pirati, due naufraghi su una imbarcazione di fortuna, in bonaccia, solo mare, un violino, una fisarmonica, una botte di rhum e i propri fantasmi da annegare. Due condannati alla forca che raccontano di Pirati e uomini liberi, capaci di decidere insieme della loro sorte comune e di chi li guiderà nella tempesta. L’unico documento autografo riconducibile alla Pirateria, quella settecentesca, è un regolamento approvato dalla “Fratellanza dei Galantuomini” di mare è firmato Da Batholomeo Roberts in persona, uno dei più noti Capitani di pirateria della storia e recita il primo articolo: “ Il Capitano sarà eletto in libera assemblea. Il voto di ogni uomo sulle questioni importanti avrà il medesimo peso. …” Principi di autodeterminazione e Democrazia quindi ispiravano questi rinnegati? E’ provato che nel 1600 Salé in Marocco fu una repubblica democratica indipendente, gestita e Da Corsari e Pirati, rinnegati, che da tutta Europa si rifugiarono lì e realizzarono l’utopia pirata. Ma tutto questo non ha fondamento storico se non in alcuni stralci di cronaca, e nella letteratura di genere, vero è che la figura del pirata è un mito che da sempre nella sua complessità e controversia incarna i principi di libertà e autodeterminazione. Per questo si è scelto di partire a qui per interrogarsi su cosa sia la giustizia e cosa la legalità, senza risposte o pretese di verità, sempre e solo per il piacere di raccontare. Lo spettacolo è una narrazione, che incontra il pubblico sotto forma di parola raccontata e musicata. La tecnica della narrazione si lega a quella d’attore e la musica esplora i diversi linguaggi dall’acustico, all’elettronico.

Ingresso 8€ con tessera Appenappena. E' vivamente consigliata la prenotazione: info@appenappena.it / 3382923478 Evento Facebook: Pirati – Spettacolo teatrale

Domenica 21 gennaio un'altra novità presso la sede dell'associazione che apre la sua porta al mattino, alle ore 10.45 per uno spettacolo di teatro ragazzi: Giuseppe Ciciriello ed il musicista Piero Santoro presentano un nuovo lavoro, già vincitore del premio EarThinkinFestival 2016, che toccherà tematiche attualissime: ambiente, memoria, rispetto dell’altro, biodiversità e rapporto con il territorio. “Peppino e il tesoro dei Briganti” è uno spettacolo teatrale di narrazione che utilizza Il linguaggio della “narrazione epica”, un linguaggio fatto di voce, gesti e musica, che non mostra, ma evoca, lasciando allo spettatore la possibilità di creare mondi e allenare l’immaginazione. Peppino il narratore accompagnato dalla fisarmonica di Zi’ Pietro racconta di tanto tempo fa quando, era piccolo e non più alto del bastone che suo nonno usava per raccogliere la frutta “quando il tempo era un altro tempo e non aveva bisogno di tempo”; racconta di quando d’estate andava a vivere dai nonni in campagna fra la menta e il rosmarino e le giornate incedevano a passi lenti e scalzi, accompagnate dalla voce di latte e miele della Nonna Filomena e i racconti di Nonno Peppe. E’ uno spettacolo che racconta dell’amore per la terra, una terra che sta scomparendo per far posto al cemento che avanza con le sue ruspe e betoniere; racconta un amore, tramandato di generazione in generazione, attraverso la pratica dell’ “aver cura” e il piacere di raccontare storie. Le rocambolesche avventure del brigante Capatosta e del suo tesoro, si intrecciano con quelle di Peppino e di suo nonno; sono le storie della terra dove sono cresciuti, terra di ulivi e ginestre, tra masserie, tratturi e muri di pietra a secco; sono le storie di un bosco, quello vicino alla casa dei nonni dove Peppino caccia lucertole e tesori …senza sapere che il tesoro più grande è tutto intorno a lui…. Gli artisti pugliesi raccontano di aver deciso di raccontare storie di terra, perché la terra che conoscevano comincia a non esserci più. Il rapporto, il legame con la terra è ormai cambiato, prendere contatto con la terra sembra ormai un concetto labile, lontano, quasi esotico; ma cosa succede quando perdiamo il contatto con le radici, con la nostra storia, con la concretezza, con il saper fare, con la memoria di quello che eravamo ? “Abbiamo deciso di raccontare di Terra, della nostra terra allora, per evocare, far nascere una curiosità, un desiderio, raccontare di un bambino e la sua incontenibile curiosità, per recuperare il piacere di avere cura e rispetto di noi e di tutto quello che ci circonda.”

Ingresso 5€ con tessera Appenappena E' vivamente consigliata la prenotazione: info@appenappena.it / 3382923478 Evento Facebook: Peppino e il tesoro dei Briganti – Teatro ragazzi

Sempre domenica 21 alle ore 19.00 la sede dell'associazione aprirà per l'aperitivo in attesa del concerto alle ore 21.00 di RiccaBoy, alias Riccardo Cucco, giovane musicista e regista carpigiano che per celebrare l'uscita del suo primo album, "Haunting, Darling" suonerà dal vivo i 10 pezzi che compongono il suo ultimo lavoro, accompagnato da Lorenzo Pedrielli al piano, Elde Lini e Cecilia Bolognesi (2Strings) agli archi. Un primo live da non perdere. Ingresso ad offerta libera con tessera AppenAppena Evento Facebook: RiccaBoy - Live

Sabato 20 e domenica 21 gennaio dalle 14 alle 18 l'associazione ospiterà il corso di Fotografia Essenziale tenuto da Marcello Donadelli già vincitore del circuito off di Fotografia Europea 2016 con "The Other Cities".Questo corso è un'ottimo modo per avvicinarsi alla fotografia in maniera leggera ma efficace! Permette di acquisire le nozioni fondamentali per utilizzare al massimo le varie funzioni di una fotocamera. www.marcellodonadelli.com Costo: 25€ + tessera AppenAppena Iscrizione obbligatoria: info@appenappena.it / 3382923478 Evento Facebook: Corso di Fotografia Essenziale

Sabato 27 e domenica 28 gennaio dalle 10.30 alle 17.30 l'associazione propone il corso di Dizione Fonetica e Public Speaking con la docente Barbara Corradini. Il corso è aperto a tutti prevede 12 ore totali di lezione (con pausa pranzo da concordare insieme al gruppo). Il corso affronterà: le regole fondamentali della dizione e della fonetica, l'articolazione e le cadenze regionali, respiri, pause e mappatura del testo, la voce e lo strumento vocale con nozioni di base sugli aspetti che riguardano il respiro e l'appoggio diaframmatico, il linguaggio non verbale, le tecniche per una comunicazione efficace e per gestire al meglio un discorso in pubblico, l'interpretazione e la lettura espressiva. Barbara Corradini è attrice, regista e insegnante di recitazione, actor’s training e didattica teatrale. Da oltre 20 anni attiva nel teatro professionale italiano, collabora assiduamente con gli Istituti Culturali del territorio. Da diversi anni fa parte dello staff dei docenti della Bernstein School of Musical Theatre di Bologna, Accademia professionale di musical -theatre. Costo: euro 90 + tessera AppenAppena Iscrizione obbligatoria: info@appenappena.it / 3382923478 Evento Facebook: Corso di dizione e Public Speaking

GIORNI E ORARI DI APERTURA DELLA SEDE: Sabato dalle 18 alle 23.45 Domenica dalle 18 alle 23.45 Lunedì dalle 19 alle 23 Martedì dalle 19 alle 23 CONTATTI: info@appenappena.it – 338 2923478

articolo pubblicato il: 12/01/2018

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy