periodico di politica e cultura 22 novembre 2017   |   anno XVII
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
archivio
Google

cronache: assegnati i premi

"Oasis Ambiente 2017"

Anche quest’anno la prestigiosa rivista Oasis, che da oltre 35 anni in Italia promuove la cultura naturalistica, ha assegnato gli “Oscar” dell’ambiente alle imprese italiane che si sono distinte per un contributo innovativo in termini di sostenibilità ambientale e responsabilità sociale nello svolgimento della propria attività produttiva.

La cornice scelta per la cerimonia di premiazione è stata Ecomondo, la rassegna espositiva internazionale di riferimento sull’ecosostenibilità che dal 7 al 10 novembre raduna a Rimini le imprese che operano nella filiera green. Sul palco del padiglione di Village24, del Gruppo24Ore, il direttore editoriale della rivista Oasis, il giornalista e conduttore Alessandro Cecchi Paone, ha assegnato il Premio Oasis Ambiente 2017 ad una serie di importanti iniziative e progetti, in sei diverse categorie legate a parametri di sostenibilità ambientale: Recycling & Waste Assessments, Water Cycle Assessment, Carbon footprint, Smart City, Educational & Communication oltre a un premio speciale, in collaborazione con l’associazione WISE, dedicato al trattamento dell’acqua nel settore agroalimentare.

Tra le realtà che hanno ottenuto l’award spiccano sia nomi eccellenti del panorama industriale, come Lavazza, Bosch, Miroglio e Pininfarina ma anche realtà in forte crescita nel settore della green economy come l’albese Amethyst che da alcuni anni si sta facendo notare per gli innovativi sistemi di depurazione dei reflui.

Anche Carlo Petrini e Slow Food tra i destinatari del premio, per l’impegno costante nella promozione di un’agricoltura sostenibile ed un uso responsabile della risorsa acqua. Il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti ha presentato così l’iniziativa: “Oasis raccoglie straordinarie immagini di animali e paesaggi, realizzate da grandi fotografi di natura del mondo. Ma oggi, più che mai, il piacere di guardare queste immagini si deve legare ad un impegno preciso: la salvaguardia di questi tesori. Gli oceani, le foreste, i ghiacciai che ammiriamo in queste preziose fotografie vanno custoditi perché possano rimanere nostro patrimonio di vita su questo Pianeta.

Occorre affrontare il dissesto idrogeologico, rendere le nostre città vivibili a fronte di periodi di siccità crescenti, intervenire efficacemente sulla gestione della nostra rete idrica, puntare sulla mobilità sostenibile e il verde pubblico, ricostruire senza occupare nuovo suolo, fare efficienza energetica nelle nostre case. Affrontare questi problemi significa rendere un servizio vero ai cittadini e allo stesso tempo spingere il nostro Paese verso la crescita.”

Emblematiche, a questo proposito, le parole di Alessandro Cecchi Paone: “Per realizzare la nuova rivoluzione industriale basata sull'economia green e sostenibile è necessario che la spiccata nuova sensibilità ambientale della popolazione, soprattutto della più giovane, e delle aziende innovatrici trovi finalmente rappresentanza nei programmi e nei candidati delle prossime elezioni politiche.” Annunciata, durante l’evento, l’apertura delle candidature per la prossima edizione del premio.

articolo pubblicato il: 08/11/2017

La Folla del XXI Secolo - periodico di politica e cultura
direttori: A. Degli Abeti e G.V.R. Martinelli - grafica e layout: G. M. Martinelli
fondato il 1/12/01 - reg. Trib. di Roma n 559/02 - tutte le collaborazioni sono a titolo gratuito
cookie policy