torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

arte e mostre
"Berlin - Milano"

a Mantova


Arianna Sartori arte & object design Via Cappello, 17 – 46100 Mantova - Tel. 0376.324260 - info@ariannasartori.191.it

Massimo Lomasto Berlin - Milano dal 12 al 30 aprile 2014

Nome della Galleria: Galleria "Arianna Sartori" Indirizzo: Mantova - via Cappello, 17 - tel. 0376.324260 Titolo della mostra: Massimo Lomasto. Berlin - Milano Date: dal 12 al 30 aprile 2014 Inaugurazione: Sabato 12 aprile, ore 17.30. Sarà presente l’artista Presentazione in galleria di Daniele Upiglio Orario di apertura: dal lunedì al sabato 10.00-12.30 / 16.00-19.30. Chiuso festivi

La Galleria Arianna Sartori di Mantova presenta nuovamente l’artista Massimo Lomasto con l’inaugurazione della inedita mostra personale “Berlin - Milano”, Sabato 12 Aprile alle ore 17.30, con presentazione di Daniele Upiglio. L’esposizione, a cura di Arianna Sartori, resterà aperta al pubblico fino al 30 Aprile 2014.

Incisori contemporanei: Massimo Lomasto Intervista a cura di Arianna Sartori

Quali sono le caratteristiche del suo libro di artista “Berlin” e della cartella “Milano” che lei presenta nella nostra galleria?

Il libro di artista “Berlin” è composto da un testo contenuto in quattro terzine rilegate e da quattro stampe originali; la cartella “Milano” è composta da un testo e da quattro stampe originali. Si tratta di una produzione che mi ha impegnato diversi anni, e che ho portato a termine con uno stretto lavoro di collaborazione con Giorgio Upiglio e con Daniele Upiglio. Le stampe originali derivano da lastre fotoincise, che ho elaborato con successivi passaggi in acquatinta e che sono state stampate da Daniele Upiglio con i torchi di Giorgio Upiglio.

Perché ha usato la tecnica della fotoincisione o meglio la elaborazione di lastre fotoincise?

Questa tecnica presenta indubbiamente alcuni punti di forza: unisce la freschezza, la immediatezza della immagine fotografica (l’attimo fuggente, l’attimo che non tornerà mai più, colto dalle mie fotografie) al lungo, meditato percorso dell’incisore. L’uso della acquatinta mi porta ad ottenere passaggi (dai bianchi più luminosi ai neri più cupi e pro-fondi), che definiscono, delimitano oppure portano a uno stato di indeterminazione o mutazione dell’immagine. È una elaborazione, al cui termine si incontra una nuova forma artistica, che non sarà ormai né foto-grafia né incisione. È un passaggio comunque rischioso, non sempre coronato dal successo; quando però si arriva a un risultato, è come l’aprirsi di una nuova porta.

Perchè Berlin e Milano?

Sono città a cui sono molto legato. Berlin per i suoi eventi storici, il dramma spaventoso della Shoah con la feroce persecuzione e lo sterminio degli ebrei, la guerra, la distruzione della città; poi un anelito di riconciliazione, la rinascita. Milano è la mia città, una metropoli in mutazione, tra le memorie di un passato storicamente importante, il nostro passato, e “il nuovo che avanza” e nel suo cammino spiana, cancella, progetta, costruisce.

Massimo Lomasto, pittore incisore, ha svolto la sua attività calcografica presso le stamperie di Giorgio e di Daniele Upiglio in Milano e presso il Centro Internazionale della Grafica in Venezia. Hanno scritto su di lui tra gli altri: Franco Passoni, Roberto Sanesi, Roberto Mussapi, Marco Fragonara, Federico Napoli, Paolo Levi, Jac-queline Ceresoli, Carlo Franza, Roberta Fiorini. Sue opere sono conservate presso: Civica Raccolta Bertarelli, in Milano, Biblioteca Marucelliana, in Firenze, Archivio Sartori, in Mantova, Gabinetto delle Stampe, in Bagnacavallo, Galleria Internazionale Ca’ Pesaro, in Venezia. Ha partecipato a numerose mostre personali e collettive, tra cui si possono ricordare la II e la III bien-nale di incisione di Santo André in Brasile, Arte senza Confini a Vanzago nel 2001 e nel 2008 e a Kawasaki (Giappone) nel 2003, “Libro della Notte” alla Künsterhaus Bethanien in Berlino e Fiera del Libro a Lipsia nel 2012, progetto espositivo: Arte Italiana, Onishi gallery a New York nel 2009; Camden Gallery a Londra nel 2012.

articolo pubblicato il: 09/04/2014

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it