torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

politica estera
l'uomo della Transizione
di Luigi Delli Stanghi

L'ex Presidente del Governo spagnolo Adolfo Suarez è morto ad ottantuno anni in una clinica madrilena per una complicanza polmonare dell'aggravarsi di quel morbo di Alzheimer che gli impediva anche di ricordarsi del suo passato politico.

Suarez rimarrà nella storia per aver saputo trasbordare senza scosse la Spagna dal franchismo alla democrazia, quando molti osservatori nazionali ed internazionali si attendevano che scoppiasse una nuova guerra civile, alcuni, che poi hanno dovuto fare marcia indietro con le loro opinioni, anche con la malcelata gioia di una inevitabile rivincita della forze repubblicane, a quasi quarant'anni dalla fine della guerra.

Suarez, il quale, esattamene come Juan Carlos, veniva da una storia personale di accettazione del franchismo, era stato infatti l'ultimo segretario generale del Movimiento, ma come il monarca seppe immediatamente gettarsi alle spalle storia e chiacchiere per dedicarsi a disegnare quella Spagna nuova che ancor oggi resiste. Suarez, in pieno accordo con il sovrano, fu il principale promotore della legge di riforma politica che aprì il periodo storico ormai conosciuto come la Transizione Spagnola; a lui si devono anche i cosiddetti Patti della Moncloa. Sotto la sua Presidenza ci furono due tentativi di golpe,il secondo dei quali fu lo spettacolare assalto al parlamento de parte del colonello Tejero, che voleva imitare quello, riuscito, del generale Pavia di un secolo prima. la polarizzazione della politica spagnola mise fine alla sua proposta centrista.

Le critiche non gli sono mai mancate, sia ai tempi del potere che negli anni del declino, politico prima e fisico dopo, ma, checché ne possano dire, se non è un grande statista uno che evita una guerra civile annunciata, riesce a riconciliare una nazione divisa dai tempi delle guerre carliste e lascia la mano ad altri nella sicurezza di vivere ormai in una democrazia inossidabile, non si sa chi possa definirsi tale.

articolo pubblicato il: 24/03/2014 ultima modifica: 30/03/2014

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it