torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

spettacolo
"Penso che un sogno così"

al Teatro della Fortuna di Fano ed al Ventidio Basso di Ascoli Piceno


Reduce dallo strepitoso successo della fiction sul grande Domenico Modugno, Giuseppe Fiorello torna al teatro con Penso che un sogno così. Lo spettacolo, dove attraverso le canzoni del grande Mimmo l’attore racconta la sua storia, arriva questa settimana nelle Marche: giovedì 20 e venerdì 21 marzo al Teatro della Fortuna di Fano nell’ambito di FanoTeatro, stagione di prosa della Fondazione Teatro della Fortuna realizzata con l’AMAT, con il sostegno di MIBACT e Regione Marche e con il patrocinio di Provincia di Pesaro e Urbino; sabato 22 e domenica 23 marzo al Ventidio Basso di Ascoli Piceno nel cartellone promosso dal Comune di Ascoli Piceno e dall’AMAT con il sostegno di MIBACT e Regione Marche.

Artista celebre e molto amato, Giuseppe Fiorello è capace di attraversare con intensità e uguale talento il mondo del cinema, della fiction e ora anche del teatro. Teatro in cui fonde racconto, autobiografia e musica, canto, con molta versatilità. Scritto a quattro mani con Vittorio Moroni, regista e sceneggiatore, lo spettacolo “sarà un omaggio personale e affettuoso – spiega Fiorello - a un ragazzo del Sud che, come me, ha inseguito sogni e passioni: il cinema e la musica. Un viaggio nella sua vita e l'occasione per raccontare storie e personaggi di un tempo passato felice”. Ne darà dimostrazione pienamente in Penso che un sogno così di cui è coautore assieme a Vittorio Moroni: uno spettacolo che non ha a che fare con la fiction da record che lo ha visto protagonista su Rai Uno lo scorso anno incarnando Domenico Modugno. In Penso che un sogno così, la sostanza è molto diversa: le canzoni di Modugno sono una "colonna sonora" per raccontare la storia dello stesso Giuseppe Fiorello, della sua famiglia, per attraversare i suoi ricordi e le emozioni di un ragazzo che è partito da un sogno ed è arrivato ad essere un grande artista.

«Modugno per me non è stato solo una storia da raccontare o un personaggio da interpretare, ma la possibilità di ritrovare un tempo lontano rimasto sempre dentro di me» spiega infatti Giuseppe Fiorello. «In questo spettacolo - continua - salgo a bordo del deltaplano delle canzoni di Domenico Modugno e sorvolo la mia infanzia, la Sicilia e l'Italia di quegli anni, le facce, le persone, vicende buffe, altre dolorose, altre nostalgiche e altre ancora che potranno sembrare incredibili. Attraverso questo viaggio invito i protagonisti della mia vita ad uscire dalla memoria e accompagnarmi sul palco, per partecipare insieme ad un avventuroso gioco di specchi». In quest'avventura sul palcoscenico Giuseppe Fiorello è accompagnato da Giampiero Solari, regista di grande esperienza e forza inventiva e da Daniele Bonaviri e Fabrizio Palma che eseguiranno le musiche dal vivo.

Giuseppe Fiorello nasce a Catania il 12 marzo 1969. Si forma artisticamente nei villaggi turistici e ne diventa responsabile intrattenimento e spettacoli: scrive e interpreta cabaret dando così una svolta alla sua carriera. Viene chiamato da Radio Deejay (1994) e sarà il primo a dare voce a Radio Capital. Nel 1997 debutta al cinema ne L'ultimo capodanno. Carlo Verdone gli propone di duettare in C'era un cinese in coma. Lo stesso anno arriva la terza pellicola, I Fetentoni. Poi una serie di fiction targate Rai: Salvo D'Acquisto, Brancaccio, La Guerra è finita, L'uomo sbagliato, Il grande Torino, Il cuore nel pozzo (spettacolo sulle foibe), Il bambino sull'acqua, Joe Petrosino. Nel 2002 il debutto teatrale al fianco di Alessandro Gassmann in Delitto per Delitto. Nel 2007 ritorna in tv con la fiction Giuseppe Moscati, il film La vita rubata e la miniserie Il bambino della domenica. Nel 2010 su Rai Uno recita nelle fiction Lo scandalo della Banca Romana, Il sorteggio, La leggenda del bandito e del campione e Sarò sempre tuo padre, e per il cinema in Galantuomini, Baarìa e Magnifica presenza. Nel 2011 con Terraferma approda al 68o Festival del cinema di Venezia. Per i 150 anni dell'unità d'Italia insieme al fratello Rosario produce il cortometraggio Domani. Recita quindi in Volare, film in due puntate sulla vita di Domenico Modugno, seguito da oltre 11 milioni di spettatori. Nel 2013 è di nuovo al cinema con Se chiudo gli occhi non sono più qui e Benvenuto Presidente con Claudio Bisio.

Penso che un sogno così è uno spettacolo prodotto da Nuovo Teatro e Ibla Film.

Per informazioni e biglietti: per Fano 0721 800750, per Ascoli 0736 244970, AMAT 071 2072439. Inizio spettacolo: Fano ore 21, Ascoli Piceno sabato ore 20.30 e domenica ore 17.30.

articolo pubblicato il: 18/03/2014

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it