torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cronache
matrimoni tra gli olivi

molte coppie scelgono l'Umbria


Fiori d’arancio e confetti tra paesaggi ulivati ed eccellenze enogastronomiche. Trevi con la stupenda Villa Fabri si candida a diventare città dei matrimoni.

" Sono sempre più numerose le coppie di sposi che scelgono l’Umbria come cornice per celebrare uno dei giorni più belli della propria vita, spiega l’ assessore alla promozione turistica Stefania Moccoli e la nostra città ha location davvero ideali, per questo con la referente ai servizi demografici consigliera Elisa Baiocco, stiamo lavorando alla definizione di nuovi regolamenti d’uso di alcuni immobili di pregio della città e alla promozione di questa nuova formula di promozione turistica.

Si tratta di un progetto ambizioso che procederà a tappe e interesserà anche altre strutture oltre Villa Fabri, (come il teatro Clitunno e la Sala consiliare), in cui sono previste convenzioni per facilitare il collegamento con l’aeroporto umbro, possibilità di partecipazione a fiere dedicate al wedding e la condivisione con tutti gli operatori economici interessati a questo settore.

Già oggi è possibile affittare alcune location del Comune, ma l’intenzione è quella si implementarne l’utilizzo anche al fine di reperire le risorse necessarie a manutentare questi immobili, ed offrire pacchetti all inclusive ad hoc".

Molti degli sposi che scelgono l’Umbria sono stranieri, del nord Europa e vengono nella nostra Regione con una media di venti invitati al seguito, Trevi ha tutte le caratteristiche per poterli accogliere e per far conoscere le sue peculiarità.”La Giunta municipale a tal fine ha deliberato l’adesione di Trevi alla “Rete delle location per matrimoni in Perugia e Comuni della provincia”con la finalità di condividere procedure, dati e informazioni utili tra gli uffici di Stato Civile; di fornire risposte chiare e immediate ai cittadini italiani e stranieri che utilizzano i servizi della rete; di semplificare procedure e modulistica; di promuovere la crescita professionale degli operatori addetti ai servizi matrimoniali .

Inoltre, per sviluppare, in modo coordinato, unico e associato le attività necessarie verrà realizzato e implementato un unico sito web che rafforzerà il connubio tra matrimonio e territorio, incrementando la visibilità degli aspetti naturalistici, storici e culturali delle località, inoltre la messa a rete del progetto fra più Comuni consentirà anche di intercettare congiuntamente fonti di finanziamento dedicate.

articolo pubblicato il: 28/02/2014

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it