torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

spettacolo
"Save the world"

al Teatro Argot di Roma


Teatro Argot, 28 febbraio-1 marzo ore 21.00 – domenica 2 marzo ore 17.30 Leonardo Diana

Save the world

ideazione, creazione e interpretazione Leonardo Diana musica e video Andrea Serrapiglio animazioni Ronnie Orroz costumi Lucia Castellana e Leonardo Diana disegno luci Mario Bacciottini scenografia Leonardo Diana

in coproduzione con Versiliadanza / CLAK – Teatro Contagi con il sostegno di Kilowatt Festival Spettacolo finalista NeXtwork 2013

Nell’ambito della stagione congiunta Dominio Pubblico per la sezione Danza dal 28 febbraio al 2 marzo al Teatro Argot Studio verrà presentato il lavoro «Save the world» di Leonardo Diana / Versiliadanza, finalista del bando Nextwork 2013 al Teatro Orologio. «Save the world» è una formula-emblema dei nostri giorni, che dal campo dell’ecologia è passata a quello della lotta contro le multinazionali, contro la mafia, contro gli abusi di ogni genere, ed è divenuta persino titolo di numerose canzoni... Una formula a volte abusata che lo spettacolo Save the world vuole riportare al suo originario significato di rispetto del mondo di cui siamo parte, e senza il quale non potremo essere. Lo fa con ironia, con quella paradossale comicità da cui scaturisce il riso e, per contrasto, l’interrogativo amaro su quale sia il confine di azione e inter-azione tra l’uomo e la Natura, o se quel limite non sia già stato superato.

Siamo alla fine del XXI sec., devastazione e desolazione regnano ovunque, le forme di vita sono scomparse. Ma ecco apparire un uomo, uno dei pochi superstiti, colui che ha distrutto tutto ma ora tutto ricostruirà. È il nuovo supereroe che tutto può e che deve non chiedere mai. Eppure questo supereroe muscoloso si muove impacciato, sembra quasi la controfigura di se stesso, cerca ma non trova, quindi cade, si riprende, e lotta: lotta furiosamente interagendo con un mondo tutto virtuale, da cui dovrebbe rinascere la Natura, ma che rimane solo uno sfondo disegnato, un buco nel cielo di carta da cui non trapassa il sole.

Leonardo Diana lavora e collabora dal 2003 con Versiliadanza, compagnia di danza diretta da Angela Torriani Evangelisti. Nel 2011 e 2012 viene selezionato come finalista del Premio Equilibrio per la nuova danza d’autore con i suoi nuovi progetti coreografici ‘E l’Uomo creò se stesso’ e ‘Naufragi’. Nel 2012 va in scena ‘La Porta del Mare’, prodotto da Versiliadanza, prima coreografia esterna per tre danzatrici e due musicisti. Nel 2013 fonda CLAK/Teatro Contagi, insieme a Chiara Cinquini, Katia Frese, Chiara Innocenti, Andrea Serrapiglio e Luca Serrapiglio, un collettivo che principalmente lavora sulla relazione tra movimento, musica e nuove tecnologie.

articolo pubblicato il: 25/02/2014

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it