torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"A proposito di Piter Pan"

al Teatro Pergolesi di Jesi


Domenica 23 febbraio alle ore 17 al Teatro Pergolesi di Jesi la compagnia Stilema Unoteatro presenta “A PROPOSITO DI PiTER PAN”, uno spettacolo di e con Silvano Antonelli, con la partecipazione di Laura Righi, molto liberamente ispirato alle visioni di James Matthew Barrie.

“Ci sono dei libri che quando li leggi, quando te li leggono, e come se tutte le parole, le figure, i colori e anche il profumo della carta, uscissero dal libro e ti entrassero nella testa, nella pancia, nel cuore...”. Ha inizio così “A PROPOSITO DI PiTER PAN” che andrà in scena domenica 23 febbraio alle ore 17al Teatro Pergolesi di Jesi per la 30esima Stagione di Teatro Ragazzi del Teatro Pirata in collaborazione con la Fondazione Pergolesi Spontini ed il sostegno del Comune di Jesi.

Nello spettacolo della compagnia Stilema Unoteatro, due personaggi entrano in scena legati da un passato comune, si sono incontrati molto tempo fa in un libro, Lui era un bambino affascinato dalle gesta di Peter Pan, Lei la fata che lo aiutava ad affrontare avventure fantastiche. Lui è “diventato grande” volendo “restare piccolo”, Lei è rimasta al suo fianco accompagnandolo nella crescita e aiutandolo nelle piccole e grandi avventure della vita. Lui novello PiTER, Lei la sua Campanellino....

Lo spettacolo non segue la storia originale di Barrie ma ne è una divagazione, del libro utilizza solo alcune suggestioni: il desiderio di volare, la paura di diventare grande. La finestra diventa il tramite sul mondo; quel mondo che ci chiede di diventare grandi rinunciando, spesso, ai nostri sogni.

L’eterna lotta tra Peter Pan e Capitan Uncino diviene, allora, metafora della vita e delle figure adulte che la popolano. Quel vivere in cui c'è sempre un orologio che ti insegue ma anche un cuore che batte. Nel teatro, però, si può “fare finta”, ci si può circondare di piccole magie, magari di una “finta” fata che ci aiuti a pensare che i sogni e la vita possano stare insieme.

Biglietti: 6 euro bambini e 8 euro adulti.

articolo pubblicato il: 20/02/2014

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it