torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

libri
"Condivido"

di Oronzo Liuzzi


Oronzo Liuzzi, Condivido

puntoacapo Editrice Via Vecchia Pozzolo 7B 15060 Pasturana (AL) Collana AltreScritture, 2014 F.to cm 12x17 pp. 90, € 11,00 ISBN 978-88-6679-017-4

Oronzo Liuzzi ci propone diverse novità letterarie sempre in progress, sia nei temi trattati che nel linguaggio espressivo e creativo del fare poesia. “Condivido”, la sua ultima raccolta, è un cammino continuo e in evoluzione che evidenzia contenuti, personaggi, dissimulazione frammentaria, identità smarrite, oltre a quella iterazione psichica che attanaglia la nostra società del non senso, dell’impensabile, del pensiero debole e non pensante, dell’essere vivente e dell’essere umano e che va al di là di una conoscenza reale.

Liuzzi, in questa opera, non agisce da solo, ma si relaziona con la scrittura e le storie di narratori presenti nel vasto panorama letterario, come Andrea Vitali, Paolo Sorrentino, Andrea De Carlo, Mauro Corona, Paolo Giordano, Cristina Comencini, Diego De Silva, Marco Lodoli, Lidia Ravera, Nicolai Lilin, Maurizio De Giovanni, riferendosi sopratutto alle loro ultime pubblicazioni. Maurizio Cucchi ha dichiarato che “la vera narrativa è sempre stata la migliore compagnia di strada della poesia”, mentre Liuzzi sostiene che la poesia è anche compagna di strada della narrativa. Lavorare in un cooperativismo letterario attraverso la lettura per una condivisione diffusa e universale, è la base creativa e razionale di Liuzzi.

La forza della prospettiva creativa, possibilmente non vuota, condensata e in continuo rinnovamento, prende vita e corpo ogni qualvolta i suoi versi trattano temi e contenuti differenti. Il linguaggio, crocevia di un pellegrinaggio migrante, coglie il tempo e si presenta altro dal testo originale per un’apertura all’identità in trasformazione e alla dialettica critica, in modo da poter ridefinire con più forza l’intera intensità di una problematica dell’esistenza umana.

Le particolari storie narrate dagli scrittori vengono modificate e trasformate dal soffio vitale dei versi maturi del Liuzzi, originando nuovi orizzonti, nuovi sguardi e nuovi entusiasmi del pensare la poesia come parola e canto dell’uomo per gli uomini, per un libero spazio infinito di speranza. Oronzo Liuzzi, nato a Fasano (BR) nel 1949, vive e lavora a Corato (BA). È laureato in Filosofia Estetica presso l’Università degli Studi di Bari. Ha pubblicato: L’assoluta realtà (Firenze 1971), Poesie (Albatros 1975), Teresa/Attunico (Schena 1977), Poesie (Albatros 1977), Mio figlio è l’albero (narrativa, Gabrieli 1979), Bio (Tracce 1987), Ronz (Campanotto 1989), Canzone antica (micronarrativa, Pensionante dè Saraceni 1990), Plexi (Campanotto 1997), Nuvole di gomma (Riccardi, 2001), Poesie (1972-1977) (Riccardi 2002), L’albero della vita (Portofranco 2003), Chat_Poesie (Spazioikonos 2004), Pensieri in_transito (Fermenti 2006), Poesia Povera (SECOP 2009), Via dei barbari (L’Arca Felice 2009), Io e Caravaggio (SECOP 2010),Una nuova storia d’amore (narrativa, Tracce 2011), Poesie invisibili (SECOP 2012), In Odissea visione (puntoacapo, Pasturana 2012).

articolo pubblicato il: 19/02/2014

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it