torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

il cinema di caino
"Fifa e arena" (1948)

di Mario Mattòli

di Gordiano Lupi

Regia: Mario Mattòli. Soggetto e Sceneggiatura: Steno, Marcello Marchesi. Fotografia: Vincenzo Seratrice. Montaggio: Giuliana Attenni. Musiche: Pippo Barzizza. Scenografie: Piero Filippone. Costumi: Dario Cecchi. Produttore: Cdi - Metropa Film di Enrico Piermarini. (Roma). Distribuzione: La Cinematografica Distribuzione Indipendente. Genere: Commedia. Durata: 81’. Bianco e Nero. Interni: Scalera (Roma). Prima Nazionale: 25 aprile 1948.

Interpreti: Totò (Nicolino Capece), Isa Barzizza (Patricia Cotten), Mario Castellani (il bandito Cast), Galeazzo Benti (George), Franca Marzi (Estrellita), Alda Mangini (Carmen), Giulio Marchetti (Paquito), Vinicio Sofia (manager Paquito), Ada Dondini (zia Adele), Luigi pavese (il medico), Irene Genna (Juanita), Adriana Serra (Manuelita), Cesare Polacco (banderillero), Cesare Fantoni (torero), Ughetto Bertucci (autista), Raimondo Vianello (direttore albergo), Enzo Turco (cliente del lustrascarpe), Manhè (ballerino), Leho (ballerino), Nino Milano (lustrascarpe), Fulvia Mammi (ragazza del topicida), Guglielmo Inglese, Adolfo Geri, Toto Mignone, Nino Marchetti (pilota LAI), Felice Minotti, Loris Gizzi (il professore Padreterno), Umberto Salvadori (cliente con gli abiti macchiati), Giorgio Costantini, Gianni Rizzo, Gorella Gori.

Il secondo film di Mattòli con il grande Totò è un clamoroso successo di pubblico, ma - come spesso capita con le farse - fa storcere la bocca alla critica. Rivisto oggi è un film invecchiato benissimo, addirittura coraggioso per i chiari riferimenti politici e per la critica al costume del tempo e alla censura.

Totò è Nicolino Capece, farmacista, che finisce nei guai per un errore di stampa. La sua foto viene pubblicata sulla Gazzetta di Napoli come il profilo di un pericoloso serial killer di donne invece che in una pubblicità. Nicolino fugge travestito da hostess e finisce niente meno che in Spagna, a bordo di un aereo delle LAI (le preistoriche linee nazionali non erano ancora Alitalia) che lo porta a Siviglia. Mario Castellani - immancabile spalla di Totò - lo attende nei panni del fumettistico bandito Cast per mettere in atto un diabolico piano. Nicolino dovrà sposare la ricchissima Patricia Cotten (una sexy Isa Barzizza) e quindi ucciderla per ereditare l'ingente patrimonio. La parte comica fondamentale - che tutti ricordano - comincia quando Nicolino si innamora della bella ereditiera, si finge torero (Nicolete, per assonanza con il mitico Manolete) e sfida un vero matador (il diligente Giulio Marchetti) in un'esilarante corrida. Lieto fine assicurato con Nicolino che sposa la bella miliardaria e prova anche la propria innocenza. Il finale avrebbe dovuto essere diverso, ma il produttore Piermarini non volle la filippica in difesa dei tori pensata dagli sceneggiatori e pretese che il toro morisse picchiando le corna contro un vassoio nascosto sotto il vestito di Nicolete.

Rassegna Critica. Arturo Lanocita (Il Nuovo Corriere della Sera, 4 gennaio 1949): "Fifa e arena, ossia Siviglia napoletanizzata, Totò e il suo protagonismo, spiegati al popolo iberico e applicato alle corride. È una piccola enciclopedia della paura ridicola, i lazzi, le smorfie e le contorsioni di un comico teatrale sono qui esasperati in una traduzione cinematografica che non senza emulare modelli celebri (le famose paure di Charlot perseguitato dagli omaccioni e dal destino, le paure insigni di Harold Lloyd appeso al grattacielo e di Buster Keaton percosso dai poliziotti), suscita risate. Strepitosi trucchi attenuano la presa di questo film, la lotta di Totò mutato in torero, con una bestia inferocita è troppo visibilmente un duello con un simulacro di legno". Paolo Mereghetti (due stelle): “Grande successo per il secondo film del sodalizio Mattòli - Totò su un soggetto di Steno (Stefano Vanzina, non ancora regista), cosceneggiato con Marcello Marchesi, dove le situazioni comiche si innestano su spunti che strizzano l’occhio all’attualità (il pesce democristiano perché censura a Totò la vista della Barzizza nuda, il club di tauromachia femminile Montecitoros dove tutte le discussioni finiscono in rissa). Non mancano comunque momenti di puro delirio totoesco (la sua fame disperata che lo spinge a farsi un panino con una spugna farcita di sapone, dentifricio e una spruzzatina di borotalco), o dialoghi genialmente surreali (Barzizza: “Sei fatalista, pessimista o esistenzialista?”. Totò: “Veramente, io sono farmacista)". A nostro parere Fifa e arena è un film divertente, farsa slapstick che in molte situazioni ricorda i cartoni animati, comicità che cita a piene mani il cinema muto, situazioni surreali e battute paradossali ne fanno un prodotto originale, adatto ancora oggi a un pubblico di tutte le età. Totò è di una comicità straripante, diretto con sicurezza da Mattòli, solo in parte ingabbiato in una sceneggiatura geniale che lo lascia libero di inserire i suoi pezzi da avanspettacolo. Franco Franchi si ispirerà spesso ai canovacci comici di questa pellicola, soprattutto al tema della fame atavica e ai qui pro quo verbali. Coraggiosa parte erotica con un breve nudo (non integrale) di Isa Barzizza, coperto da un pesce (democristiano!), ma molto audace per i tempi.
www.infol.it/lupi

articolo pubblicato il: 05/02/2014

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it