torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cronache
un anno di riforma migratoria

a Cuba

di Gordiano Lupi

Tradurre Yoani Sanchez non significa condividere ogni frase della nota blogger, né prendere per oro colato le sue asserzioni apodittiche. Tutt'altro. Spesso è il caso di riflettere criticamente su certe considerazioni un po' troppo facili. L'ultimo post pubblicato su Generacion Y, che trovate su www.lastampa.it/generaciony, vuol far credere che - a un anno dalla Riforma Migratoria - a Cuba niente sia cambiato. Non è vero. A Cuba è cambiato tutto. Non si erano mai visti tanti cubani - e soprattutto tanti dissidenti - a giro per il mondo, liberi di parlare, di criticare, di esporre la loro interpretazione politica. Non si era mai vista tanta "non repressione" nei confronti di chi è uscito, ha criticato il governo in ogni possibile circostanza e ha fatto rientro in patria.

Certo, se di vittoria si può parlare, è stato il governo ad avere la meglio sulla dissidenza, perché ha mostrato al mondo il volto più morbido. Lasciamo stare se in patria vengono perseguitate le Damas de Blanco e i dissidenti subiscono arresti per brevi periodi, ma chi è uscito ed è rientrato non ha subito rappresaglie. Yoani Sanchez afferma che sono ancora molti i cubani che non possono permettersi di viaggiare all'estero, perché non hanno soldi neppure per sbrigare la pratica e ottenere il passaporto. Ma questo accade da sempre in ogni luogo del mondo! Non mi pare un motivo per meravigliarsi. I dissidenti viaggiano perché i loro giri del mondo sono pagati da chi ha interesse (culturale, politico, letterario...) a farli uscire da Cuba, altrimenti anche loro - a parte poche eccezioni di non conformi ricchi per i più svariati motivi - non viaggerebbero. Da sempre, i viaggi dei cubani sono finanziati dai parenti che vivono all'estero o da amici che risiedono in Europa e negli Stati Uniti. Altra inesattezza: il paese in fuga. Persino El Nuevo Herald (mai tenero nei confronti del governo cubano) dice che non è vero, che si sta attraversando un periodo caratterizzato da un'inversione di tendenza. I cubani escono per brevi periodi dal Paese, ma poi fanno rientro, con il denaro guadagnato, e cercano di mettere in piedi un'attività economica privata (ora consentita) al loro paese. Inoltre, le fughe dei cubani non sono quasi mai di carattere politico, ma soltanto economico. Sono rari i casi di cubani impegnati politicamente che chiedono lo status di esiliati. Per la maggior parte di loro, il viaggio all'estero significa resolver, una maniera come tante per dare una svolta economica alla loro esistenza. Condivido solo una cosa dell'ultimo post di Yoani: il fatto che per i vecchi esiliati, per coloro che si vedevano negare il rientro a Cuba per motivi politici non sia cambiato niente.

La nuova legge, infatti, non è retroattiva. Questo sarebbe un punto su cui insistere per chiedere di modificare una situazione superata, viste le aperture economico - politiche che hanno caratterizzato l'ultimo anno di governo di Raul Castro. In definitiva, Cuba sta cambiando, anche se molto resta da fare in tema di libertà di pensiero, diritti umani, possibilità di associarsi politicamente e sindacalmente. Ma non sarà un periodico on line a cambiare la vita dei cubani, novità inutile, visto il basso indice di connessione di un popolo refrattario a occuparsi di problemi politici.

Glossa cubana alla Riforma migratoria

Ringrazio molto un amico cubano che desidera restare anonimo di avermi fornito alcune precisazioni sulle nuove normative, che riporto di seguito in appendice al mio articolo. La nuova legge migratoria consente il rientro a Cuba, con la possibilità di uscire di nuovo, per chi è partito dall’Isola con il Permesso di Residenza all’estero definitivo (PRE), per chi è rimasto all’estero, per chi è rientrato clandestinamente. Se una persona resta a Cuba più del tempo previsto, si deve fare richiesta al Consolato del Paese di Residenza dichiarando i “motivi”. Se non ci sono stati fatti gravi, il permesso viene concesso, anche se passa un po’ di tempo. Sembra che abbiano dovuto rallentare le concessioni in alcuni Paesi perché c’erano molte richieste per riprendere la residenza a Cuba. Molti anziani di Miami passano molto tempo a Cuba. Alcuni hanno richiesto la residenza. Sembra che il fenomeno sia abbastanza diffuso e in rapida crescita. La richiesta di asilo politico è diminuita molto, ma alcuni ci fanno ricorso perché è l’unico modo per restare a lungo negli Usa o Spagna, usufruendo di aiuti e garanzie economiche. Adesso chi parte da Cuba è libero di disporre delle sue proprietà. Cosa che era ormai tollerata, a differenza del passato, per i beni mobili, a parte le macchine. Non si perde la residenza a Cuba e i vantaggi in campo sanitario fino a due anni di assenza consecutiva. Tra l’altro sono possibili proroghe. La legge per i rientri è retroattiva. Resta precluso il ritorno per chi è considerato politicamente attivo contro Cuba, chi ha chiesto asilo politico accampando persecuzioni, torture o pericolo di vita. Si sta cominciando a dare importanza alla diaspora cubana, basta che non sia politicizzata. Molte nuovo attività economiche private sono state consentite rispetto al passato.
Gordiano Lupi
www.infol.it/lupi

articolo pubblicato il: 15/01/2014

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it