torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

spettacolo
Teatri del tempo presente

Marche Festival


TEATRI DEL TEMPO PRESENTE MARCHE FESTIVAL DAL 18 AL 20 DICEMBRE A MACERATA E CIVITANOVA MARCHE SEI SPETTACOLI TRA PROSA, DANZA E ARTI VISIVE

Da mercoledì 18 a venerdì 20 dicembre i teatri di Macerata e Civitanova Marche ospitano Teatri del Tempo Presente Marche Festival, sei spettacoli tra prosa, danza e arti visive per sovvertire e reimmaginare la scena contemporanea. Teatri del Tempo Presente è un progetto interregionale di promozione dello spettacolo dal vivo finalizzato alla valorizzazione della scena teatrale nazionale di nuova generazione che nasce da una proposta della Direzione Generale per lo Spettacolo dal Vivo del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo in accordo con la Commissione Cultura della Conferenza delle Regioni.

Vi aderiscono nove regioni italiane: Campania, Emilia-Romagna, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana, Umbria e Veneto con l'obiettivo di sostenere la produzione e la circuitazione di spettacoli realizzati da giovani artisti della scena contemporanea con meno di 35 anni. L'attuazione del progetto ha visto la partecipazione diretta di un soggetto attuatore, selezionato in ogni regione, per le Marche il Consorzio Marche Spettacolo in collaborazione con AMAT e Inteatro. Teatri del Tempo Presente Marche Festival – promosso in collaborazione con i Comuni di Civitanova Marche e Macerata e l’Azienda Teatri di Civitanova – è dunque una declinazione del progetto nazionale che vuole offrirsi quale punto di osservazione privilegiato su quanto di nuovo propone la scena italiana.

La prima giornata – mercoledì 18 dicembre – si svolge tutta a Macerata. L’inizio alle ore 20 è al Cine Teatro Italia con L’America dentro di Carolina Balucani, un lavoro in due atti che racconta di creature borderline, possibili personaggi contemporanei accomunati dalla paura e dal desiderio di andare al di là del loro personale confine. Alle 21.30 l’appuntamento è al Teatro Lauro Rossi con Mal bianco di Zaches Teatro, un lavoro che prende come ispirazione iconografica il maestro giapponese Hokusai, creatore dei Manga. Nello spettacolo lo spazio assume un sapore rituale e consuma i corpi, quasi corrodendoli dall'interno fino a modificarli nel loro apparire e li restituisce smangiati, ombre di se stessi o simulacri di entità decadute. La conclusione della serata – ore 22.30 al Teatro Don Bosco – è con NEFES/Respiro di Interno 5 e Collettivo Nada. NEFES affronta il confine tra l'uomo e l'arte, elemento vitale come il respiro al fine di superare il limite della quotidianità. A partire dall'assunto, centrale nell'opera di Joseph Beuys, secondo cui ogni uomo è un artista il gruppo dei danzatori costruisce un rapporto dialettico con lo spettatore che diviene co-autore di un'opera riconoscendosi nell'atto creativo.

La seconda giornata del festival – giovedì 19 dicembre – si snoda in due tappe tra Civitanova Marche dove alle ore 20 il Teatro Annibal Caro ospita Daniele Ninarello con Rock Rose WoW (che inaugura anche la diciassettesima edizione di Civitanova Danza tutto l’anno 13/14) e Macerata dove alle ore 21.45 Pathosformel porta in scena al Teatro Don Bosco T.E.R.R.Y.. Rock Rose WoW tenta di scolpire il profilo di tre distinti corpi che insistono verso il proprio “ego” facendo “tutto ciò che possono”, riconoscendosi in un meccanismo che si ripete senza evolversi. In T.E.R.R.Y. un’immagine inanimata e vegetale traccia le infinite sfumature di una tensione tra competizione e cooperazione: diverse fonti di luce si accendono alternativamente; a ogni nuova configurazione, un movimento scomposto di piante attraversa lo spazio, mentre quattro bambini interagiscono nel rimodellamento delle regole del gioco.

Conclude Teatri del Tempo Presente Marche Festival venerdì 20 dicembre al Teatro Annibal Caro (ore 21.15) To this purpose only di Fattoria Vittadini e Matanicola. Lo spettacolo – che contiene scene di nudo integrale - è una riflessione in tre quadri, affresco di un'Italia odierna, scossa e traballante: tra suggestioni iconografiche dissacranti, la pièce si interroga, denuncia e sovverte la percezione stereotipata dell’immaginario e dell’estetica nazional-popolare sud europea.

Biglietto di cortesia per singoli spettacoli 3 euro, abbonamento a tutti gli spettacoli 10 euro. Bus Civitanova – Macerata a/r il giorno 19 dicembre, gratuito fino a esaurimento posti (prenotazioni entro il 18 dicembre ore 16 al n. 346 0956050). Informazioni e biglietti: biglietteria dei Teatri di Macerata 0733 230735, Teatro Rossini di Civitanova Marche 0733 812936, AMAT 071 2072439.

articolo pubblicato il: 13/12/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it