torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

elzevirino
vive in Molise la persona che più sperava nella caduta di Berlusconi
di Ada

Berlusconi non è più senatore, con un voto palese e non segreto dell’assemblea di Palazzo Madama: con un voto elettronico, ma che potrà essere controllato se si vuol sapere come si sono espressi i singoli senatori. Insomma sono state rispettate le regole fissate e tra l’altro respinte le richieste di ulteriori dilazioni. Molti sono felici di quanto è avvenuto, ma non vi sono state manifestazioni di giubilo neanche da parte dei suoi più decisi avversari. Neppure il governo Letta, che ha perduto l’appoggio di Forza Italia ed ora, nonostante l’uscita dal PDL dei governativi” e quindi con l’appoggio dei “trenta” senatori del gruppo di Alfano, si ritrova oggi con una maggioranza di pochi voti. Quanto durerà ancora Letta? Non siamo in grado di predire il futuro, ma sarà una navigazione difficile perché lo stesso Berlusconi non si dà per vinto e continuerà a guidare, pur non essendo più parlamentare, il suo partito dall’esterno.

Ed è un osso duro per tutti. Una situazione per Enrico Letta non tranquilla, anche peggiore di quella del Governo Prodi, caduto a causa dei pochi voti di maggioranza. E a differenza di allora, in questa legislatura ci sono i grillini, con un caposquadra che non ne vuole sapere di trattare con qualsiasi governo.

“Amareggiato” . dopo un ventennio di vittorie e di sconfitte elettorali, Berlusconi ancora “va avanti”, come ha detto ai suoi fedelissimi. Per quello che vale, si è saputo che il suo successore a Palazzo Madama è Il primo dei non eletti in Molise il quale ha fatto subito sapere che aderirà al gruppo parlamentare dei “governativi” del già PDL. Una “vendetta” postuma perché Berlusconi, eletto al Senato in diverse regioni optò proprio per il piccolo Molise, togliendogli la poltrona senatoriale. Mai avrebbe potuto sperare che dopo pochi mesi qualcuno gliela avrebbe data su un piatto d’argento. Si può dire però che forse il neoparlamentare “miracolato” era la persona al mondo che più aspettava e sosteneva la caduta del suo presidente. Auguri.

articolo pubblicato il: 29/11/2013 ultima modifica: 09/12/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it