torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

musica
trio Chihiro Yamanaka

all'Auditorium Parco della Musica di Roma


Negli ultimi due anni, il trio della pianista nipponica Chihiro Yamanaka ha effettuato più di trecento concerti tra Europa, Italia e Giappone. Dinamico, affiatato e di grande impatto, è autore di un jazz contemporaneo con sfumature a volte rock blues, riscuotendo grandi consensi dovunque abbia suonato, dal concerto a Umbria Jazz nel 2011, davanti a seimila persone, a quello dell'Università di Colonia, trasformatosi in un vero concerto jazz-rock per tremila appassionati. Ospite speciale per il concerto all’Auditorium, in anteprima europea, Luca Aquino, uno dei trombettisti più interessanti della scena jazz europea, già a fianco di Manu Katché, Enrico Rava, Paolo Fresu.

Tredici dischi all'attivo pubblicati dalla prestigiosa Verve Records; vincitrice di numerosi riconoscimenti in Giappone, Europa e America, Chihiro Yamanaka si è imposta come una tra le pianiste più importanti della scena jazz contemporanea. Nativa di Tokyo ma residente a New York, negli ultimi anni ha effettuato concerti in piano solo, in trio e con Orchestra nelle più prestigiose sale concertistiche e nelle più importanti rassegne del mondo, grazie a un’eccellente tecnica e a uno stile impeccabile. Tra le sue collaborazioni più importanti, Herbie Hancock, Chick Corea, Oscar Peterson.

«Ascoltare la tromba di Luca Aquino è come avere delle dita sempre intrecciate alle tue». È così che lo scrittore Roberto Saviano commenta “aQustico”, il nuovo album di Luca Aquino, il giusto coronamento di un cammino tutto improntato sulla qualità e sul rischio. Assai diverse sono state le sue collaborazioni a progetti differenti che hanno confermato i pregi di questo artista: la generosità, la curiosità e la versatilità. Il suo suono, immediatamente riconoscibile, si è fatto notare anche da un musicista del calibro di Peter Gabriel. In pianta stabile da un anno nel quartetto del francese Manu Katché, batterista di Sting, Luca ha condiviso il palco col suo guru Jon Hassell, in un progetto dedicato a Gil Evans, e con Rava e Fresu, suo maestro, amico e produttore. Nella musica di Aquino sembrano coesistere tutte le esperienze vissute sin dal suo esordio: il jazz, la tradizione e il free, l’amore per le atmosfere nordiche e per quelle balcaniche, la melodia mediterranea, il progressive e la sperimentazione.

mercoledi 27 novembre teatro studio ore 21 Auditorium Parco della musica di Roma biglietto unico 13 euro

articolo pubblicato il: 26/11/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it