torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"In società"

al Teatro dell'Orologio di Roma


La Compagnia Fattore K diretta da Giorgio Barberio Corsetti aderisce al nuovo progetto Dominio Pubblico la stagione congiunta tra Teatro Argot e Teatro dell’ Orologio presenterà al Teatro Orologio da martedì 26 novembre a domenica 1 dicembre lo spettacolo “In Società” di e con Federica Santoro. Divertimento! divertimento! Divertimento! Un’esagerazione, un’agitazione, un’irritazione. L’ultimo giorno di un grande gelo in una casa decadente con le crepe ai muri

Tutti rincorrono tutti. I componenti rimasti di una antica famiglia, Sorella, Fratello e signor Lui stanno per lasciare la loro Casa, hanno subíto una inaspettata decadenza economica e sociale, una delle probabili cause è una strana donna la Signora A, che con delle lettere false, delle bugie ha contribuito alla loro diffamazione; si cercano sempre dei nemici dopotutto. La Sorella, dalla sua perenne convalescenza dovuta, sembra, ad un abbandono amoroso, osserva il mondo, questo diventa pretesto per sproloqui, attimi prolungati di lucida coscienza; suo Fratello sempre in vestaglia, vive di ricordi e di fallimentari fughe dalla casa; il signor Lui, invece è un uomo dalle svariate mansioni che gli anni di convivenza con i due fratelli, hanno rese sempre più evanescenti e sfuggenti. E poi c’è un cane. L’azione è nel salotto della casa oramai vuota, solo qualche “oggettucolo” è rimasto, stanze e corridoi vivono al di là del salotto. Ormai è stato portato via tutto, sequestrato, rimane solo l’impronta lontana di quello che c’era prima. Questo è l’ultimo giorno nella loro Casa.

NOTE DI REGIA La Sorella, il Fratello e il signor Lui, sono delle “eroine” irraccontabili, si definiscono agendo nel mondo e gradualmente rifiutando le sue regole. La Sorella in effetti ha ancora a che fare con la realtà, ancora chiude e apre i suoi conti, come suo fratello, appena questo sarà fatto, potranno lasciare la loro Casa; il signor Lui invece è quello che non ha niente da perdere in questa dimensione di decadenza e per questo è quello più libero di vincoli verso il mondo, e questo è il motore del suo agire. Sono collocati in un’altra epoca, passata. E’ fondamentale che sia un tempo passato per riflettere e filtrare l’agire ad un altro livello, con altri parametri rispetto alla nostra attuale visione, quella dell’oggi, come in uno scorcio trasversale, una svista, piena di buchi, voragini. Si può raccontare cosa succede in un uomo, anche senza necessariamente spiegarlo, demolendo i generi e guardandolo con un’altra logica, spostata dal tragico e dal comico, si sospende allora quasi l’azione orizzontale e si entra in una logica altra, verticale, logica delle sensazioni, del passaggio di sensazione in sensazione. Tutti gli elementi scenici, testo, azioni, musica, suoni, divertimenti e disperazioni partecipano a questo movimento, a questo passaggio, diventano parte della moltitudine di cui è composta la nostra vita.

Fattore K è la compagnia diretta da Giorgio Barberio Corsetti. Dal 1976, all'epoca con il nome di Gaia Scienza, supporta il lavoro artistico di Corsetti e di altri artisti. Federica Santoro, attrice in molti spettacoli di Corsetti, collabora anche con altri registi e compagnie, tra cui Sociètas Raffaello Sanzio, Katzenmacher di Alfonso Santagata. Come regista e interprete si dedica alla messa in scena di testi di autori contemporanei o rivisitazione di classici: ‘Psicosi delle 4e48’ di S. Kane, ‘Alla meta’ di Thomas Bernhard, ‘Drammi di principesse la morte e la fanciulla I e III’ di Elfriede Jelinek, ‘L'ingegneria del consenso’ (dall'Otello di Shakespeare) con Luca Tilli. Nel 2012 è attrice ne ‘L'origine del mondo’ scritto e diretto da Lucia Calamaro.

Teatro Dell’Orologio, 26-30 novembre ore 21.00 – domenica 1 dicembre ore 17.30 Via Filippini, 17/a - tel. 06 687 5550

articolo pubblicato il: 24/11/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it