torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

libri
"La bottega orafa di Lorenzo Ghiberti"

di Dora Liscia Bemporad


E’ indubbiamente riconosciuto come uno dei più grandi maestri orafi di tutti i tempi ma la sua storia, e soprattutto la sua grande e straordinaria produzione, fino a oggi non sono state inquadrate in modo completo. Si tratta di Lorenzo Ghiberti, autore fiorentino noto in tutto il mondo per aver realizzato la Porta del Paradiso del Battistero di Firenze. Sulla sua vicenda artistica ha provato a far luce, anche con interessanti e importanti nuove attribuzioni alla sua bottega, Dora Liscia Bemporad, una delle massime esperte internazionali in storia dell’oreficeria.

La ricerca della professoressa è contenuta nel libro «La bottega orafa di Lorenzo Ghiberti». In particolare, nel volume viene descritto un importante manufatto appartenente alla diocesi di Prato, il reliquiario di San Biagio, che insieme ad altre opere andrà a costituire il futuro Museo di arte sacra in San Domenico.

Editore: EDIFIR (8 maggio 2013)
Collana: Arti del fuoco
Lingua: Italiano

Attraverso l'analisi stilistica di alcune opere, che qui vengono attribuite alla bottega ghibertiana, è stato possibile ricostruire una prima, anche se incompleta, fisionomia dello stile "pittorico" del Ghiberti, ricostruzione che potrà portare in una seconda fase alla individuazione di tavole e affreschi di sua mano. Infatti l'attività orafa del Maestro è stata oggetto di molte ricerche, ma la sua formazione e quella di altri artisti come Filippo Brunelleschi e Donatello sono ancora avvolte in una fitta ombra, così come la figura del padre di Lorenzo (o patrigno) Bartolo di Michele. Quest'ultimo ha avuto sicuramente un ruolo importante nella formazione della generazione di artisti-orafi operanti nella prima metà del Quattrocento. Per circoscrivere ulteriormente le modalità di esecuzione delle opere di oreficeria sono state inquadrate le personalità di alcuni collaboratori, probabili esecutori materiali delle opere di oreficeria, sulla base documenti d'archivio e confronti stilistici.

articolo pubblicato il: 31/10/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it