torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Il Mercante di Venezia"

al Teatro Ventidio Basso di Ascoli Piceno


Si apre il sipario giovedì 17 e venerdì 18 ottobre sulla stagione del Teatro Ventidio Basso di Ascoli Piceno promossa dal Comune di Ascoli Piceno e dall’AMAT che articolata in tre percorsi - prosa, contemporaneo e ragazzi - presenta grandi interpreti per spettacoli coinvolgenti e divertenti, riflessivi e intelligenti, che spaziano dal teatro classico al contemporaneo, senza dimenticare alcuni appuntamenti dedicati ai più piccoli. L’inaugurazione è affidata a un grande classico shakespeariano, Il Mercante di Venezia portato in scena da Silvio Orlando e la fresca e affiatata compagnia Popular Shakespeare Kompany - in residenza in questi giorni in città per il riallestimento dello spettacolo - diretta dalla sapiente regia di Valerio Binasco.

Se la storia è già nota lo sarà meno la sua messinscena in cui il regista ammette che “la terribile, umiliante, meschina sconfitta di Shylock mi mette a disagio. Annuncio fin d’ora che starò dalla sua parte”. La nuova compagnia Popular Shakespeare Kompany, che ha avuto il suo battesimo ufficiale con lo spettacolo La tempesta all’interno del Festival Shakespeariano di Verona nel 2012, si impegna ogni anno a mettere in scena un classico, con l’intento di continuare ad offrire al pubblico grandi testi, con modalità produttive nuove, che trasformino la crisi in occasione di rinnovamento e creatività. Quest’anno torna sulle scene, insieme al grande attore di cinema e teatro Silvio Orlando, con una delle opere più note di Shakespeare, Il mercante di Venezia. Una storia conosciuta che attraverso la regia di Valerio Binasco e l'interpretazione della Popular Shakespeare Kompany rimescola profondamente le categorie di ‘bene’ e ‘male’ al punto che fondamentale diventa lo scontro tra una moltitudine di uguali - i cristiani di Antonio -, e il singolo diverso - l’ebreo Shylock. Il male c’è, ma è il denaro in sé.

“Nel Mercante – scrive Binasco - tutto gira intorno a un gruppo di amici. Gli eroi di questa storia non sono degli eroi. Stanno in seconda e terza fila nella vita. Ma hanno delle inquietudini. Una spinta che li porta al gesto rischioso. Tuttavia, il fatto che siano sempre avventure condivise con gli amici fa di loro degli eroi un po’ paesani, creatori di aneddoti più che di leggende. Il testo appare dunque come “una cupa contro-favola”, una storia che sembra una favola, ma che fa sorridere solo gli adulti, perché han perso ogni speranza. […] Noi dobbiamo fare del mercante una grande favola, e una festa del teatro. Cioè della speranza. E queste sono le intenzioni. […] Mi trovo completamente d’accordo con Auden quando dice: “Ne Il mercante di Venezia le differenze religiose sono tratteggiate in modo fatuo: non è un problema di fede, ma di conformismo. L’essenziale, riguardo a Shylock, non è che un eretico o un ebreo, ma che è un outsider”. Outsider, qui, vuol dire qualcosa di più di diverso. Vuol dire proprio straniero. Estraneo. […] La terribile, umiliante, meschina sconfitta di Shylock giusta o non giusta che sia, mi mette a disagio. Annuncio fin d’ora che starò dalla sua parte. Del resto, il bene e il male si spostano di continuo nel corso della pièce. Dipende dalle circostanze. Questa è una verità moderna e inattaccabile. La verità di una favola che rivela che non c’è nessuna verità.”

Lo spettacolo è prodotto da Veronica Mona – Oblomov Films in coproduzione con Fondazione del Teatro Stabile di Torino e in collaborazione con Estate Teatrale Veronese. Le musiche originali sono di Arturo Annecchino, le scene di Carlo de Marino, le luci di Pasquale Mari e i costumi di Sandra Cardini. Completano il cast Andrea Di Casa, Fabrizio Contri, Milvia Marigliano, Simone Luglio, Elena Gigliotti, Nicola Pannelli, Fulvio Pepe, Sergio Romano, Barbara Ronchi, Roberto Turchetta e Ivan Zerbinati.

Per informazioni e biglietti (da 11 a 28 euro) biglietteria del Teatro Ventidio Basso 0736 244970. Inizio spettacoli ore 20.30.

articolo pubblicato il: 15/10/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it