torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cronache
percezione dell'Ebraismo

convegno a Roma


Si intitola «La percezione dell’Ebraismo nelle altre culture e nelle arti«, il convegno organizzato nei giorni 1, 2, 3 ottobre dal prof. Alessandro Catastini, docente di Lingua e Letteratura Ebraica all’Università «La Sapienza» di Roma. Il convegno si svolge nell’Aula Odeion della Facoltà di Lettere e Filosofia de «La Sapienza» (Piazza Aldo Moro, 5 – Roma). Con questo convegno annuale, il secondo organizzato, si vuole offrire agli studenti delle Facoltà dell’Ateneo una panoramica multidisciplinare in cui gli interventi dei conferenzieri sono legati dal comune filo di come e quanto la cultura ebraica sia presente nelle altre lingue, letterature, arti figurative, nel cinema, nella musica e nello spettacolo. Verranno inoltre esaminati i rapporti storico-confessionali con le altre grandi religioni rivelate, perchè le prospettive di incontro e di dialogo si fanno più frequentie pressanti.

Il convegno ha una spiccata caratteristica multidisciplinare. L’Ebraismo viene visto attraverso i filtri di una molteplicità di insegnamenti e non solo sotto l’aspetto confessionale che pur è importantissimo. Agli studenti ed agli studiosi intervenuti l’anno scorso e a maggior ragione quest’anno vengono prospettate le diverse sfaccettature che variano a seconda del tempo storico, del luogo e del contesto in esame. L’anno scorso una professoressa di germanistica commosse l’uditorio – spiega il prof. Catastini – così come la conferenza sugli aspetti musicologici affascinò gli astanti che probabilmente non avevano mai avuto modo di riflettere sull’argomento.

Nel convegno di quest'anno sono stati inseriti anche temi letterari e storici. Perché non si può parlare di Ebraismo trascurando l’apporto che autori ebrei hanno fornito alle letterature diverse dalla propria, alle arti ed allo spettacolo di qualsiasi genere. L’aspetto storico poi è imprescindibile: tutto va visto diacronicamente in modo da poter apprezzare l’evoluzione nel tempo dei vari elementi e dei vari aspetti.

articolo pubblicato il: 27/09/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it