torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

arte e mostre
"Squilibri planetari"

alla Galleria Edarcom Europa di Roma


Cynthia Segato

Squilibri planetari

Opere dalle mostre degli ultimi dieci anni

Dal 18 al 28 settembre 2013, presso la galleria d’arte contemporanea Edarcom Europa in via Macedonia n. 12/16, a Romasi terrà la mostra “Squilibri planetari” dedicata alla ricerca pittorica portata avanti con passione e crescente successo da Cynthia Segato nell'arco degli ultimi dieci anni.

La mostra si compone di circa trenta dipinti attraverso i quali sarà possibile ricostruire un percorso di immagini capace di trasportare il visitatore alla scoperta del tema più caro all'artista romana: la scienza astronomica come argomento principale e onnipresente nelle sue opere e ogni volta rinnovato attraverso la contaminazione con gli altri temi portanti del suo linguaggio come le fiabe, la poesia, la letteratura e la storia. Il tutto segnato dall'arguzia e dall'ironia caratteristiche dell'indole dell'artista stessa.

La mostra, curata da Francesco Ciaffi, sarà visibile fino al 28 settembre 2013.

SCHEDA INFORMATIVA
ARTISTI: Cynthia Segato
MOSTRA: Squilibri planetari
PERIODO: 18 – 28 settembre 2013
ORGANIZZAZIONE: Edarcom Europa
INDIRIZZO: Via Macedonia, 12/16 Roma
ORARIO: LUN – SAB 10,30/13,00 - 15,30/19,30
INFO: 06.7802620 – www.edarcom.it

BIOGRAFIA Pittrice, illustratrice e incisore, Cynthia Segato nasce nel 1958 a Roma dove vive e lavora. Diplomata al Liceo Artistico e laureata in Astronomia, frequenta l’Accademia delle Belle Arti di Roma. Contemporaneamente alla sua attività pittorica, approfondisce l’interesse per la grafica frequentando diversi laboratori di incisione tra cui la Calcografia Nazionale e lo Studio d’Arte Caprini. Fin da giovanissima prende parte a mostre e concorsi di pittura e grafica: nel 1976 è invitata alla VI Biennale al Palazzo Reale di Milano. Nelle sue opere Cynthia Segato utilizza un linguaggio immaginario, quasi fiabesco, proponendo tematiche figurative mediante una simbologia che include i concetti di tempo e di spazio. Uno spazio in continua fluttuazione nel quale orologi, meridiane, clessidre, maschere o figure archetipali vi trovano evidenza. Ma anche l’interesse per la matematica e l’astronomia influenzano la sua pittura e così, spesso, le storie che rappresenta si ambientano tra oggetti cosmici, costellazioni, nastri di Moebius, geometrie fantastiche e spazi “non-euclidei”. Gli studi universitari stimolano la ricerca pittorica sui Solidi Platonici, sulla distanza e la metallicità delle stelle, sulla formazione di materia e sulle polveri stellari. Proprio a questi temi è dedicata la sua prima personale “Meccaniche Celesti” nel 1989. Nel corso degli anni ’90, partecipa a numerose iniziative artistiche e culturali, nell’ambito delle quali espone il ciclo “Il tesoro di Eolo” a Lipari e nello spazio Fiat Arte di Roma, l’opera “Aprite le porte alla vita” per Papa Wojtyla, la mostra “Verso l’Europa” alla presenza del Sen. Giulio Andreotti e, infine, a Villa Gregoriana il ciclo “Giochi d’acqua”. L’interesse verso l’illustrazione per l’infanzia avvicina la sua ricerca all’interpretazione di antiche filastrocche e alla composizione di nuove, alcune delle quali anche pubblicate. Come illustratrice e, talvolta, autrice di favole partecipa a manifestazioni e mostre itineranti (Morano Calabro, Santa Vittoria d’Alba, Bordano, Grottammare). Nel 2002, in occasione della presentazione della nuova Lancia Thesis, espone a Roma la grande tela “A spasso per la Via Lattea”. Sempre nel 2002 inizia a collaborare con la Edarcom Europa Galleria d’Arte Contemporanea che cura alcune tra le più importanti mostre personali degli ultimi anni: “Bugie Cosmiche” nel 2002, introdotta da un testo di Gabriele Simongini;“Frammenti d’Infinito - attraversando lo Spazio-Tempo leopardiano” nel 2004, presentata da Renato Civello; “Microcosmi quotidiani” nel 2008, “Uva d’alberi” nel 2010 E “Siparietti cosmicomici” nel 2012, tutte a cura di Francesco Ciaffi;

Negli ultimi anni viene inoltre invitata a presentare le proprie opere in occasione di importanti ricorrenze ed eventi culturali, storici e sportivi. Sono nate così “Five Cosmic Rings (Beijing 2008)” per le Olimpiadi di Pechino, “Un’altra pagina di storia” nella ricorrenza della caduta del muro di Berlino, “Un gioco da favola per tutti” per i Campionati Italiani di Bocce del 2009 e “Teatrino di Anita: 1861-2011 – Cucire e ricucire l’Italia” per i 150 anni dell’Unità d’Italia.

articolo pubblicato il: 15/09/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it