torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

musica
"The Message"

Jesus Was Homeless in concerto a Roma


Prima band italiana indipendente in classifica FIMI, dove da tempo occupa la 33esima posizione tra Renato Zero e Max Gazzè, i Jesus Was Homeless saranno protagonisti dell’edizione 2013 del Gay Village, il 13 settembre 2013, per un live che ripercorrerà l’ultimo album The Message, insieme ad altri successi di The Landing.

The Message, uscito nel 2013 a distanza di 4 anni dal primo album The Landing - distribuito in Giappone per la Halftonic - sancisce il definitivo riconoscimento dei JWH tra le band indie italiane più apprezzate e quotate, con un successo di vendite raro che ha portato il gruppo italiano, dal respiro internazionale, a essere il primissimo indipendente nella classifica FIMI e Tv, Sorrisi e Canzoni.

Le sonorità rock, elettroniche, ruvide e al tempo stesso accattivanti dei Jesus Was Homeless, con The Message hanno così conquistato anche il grande pubblico, non solo quello avvezzo al genere, portandolo a posizionarsi tra gli album più venduti in un periodo in cui si parla molto di crisi del mercato musicale.

Eppure un segreto c’è ed è il coraggio e la coerenza di un progetto musicale che unisce con attenzione note e parole, senza nulla concedere alla superficialità ne’ musicale, ne’ tantomeno “contenutistica”.

The Message, infatti, è un album maturo che, forte degli ultimi riscontri internazionali della band in giro per il globo (una campagna promozionale made in UK supportata da strutture del calibro di Scream Promotion e Savage Gringo, live nei più significativi club londinesi) ha voluto sfidare il grande pubblico, mantenendo quei contenuti e quelle sonorità che hanno fatto conoscere i Jesus Was Homeless dal Giappone agli Stati Uniti.

Una sapiente miscela di ruvidezza rock, sperimentazioni elettroniche e testi impegnati, in grado di fermare la contemporaneità in brani come “Violet Line”, concedendosi ballate come “So dirty” e vere e proprie denunce sociali come “Addiction to porn”.

articolo pubblicato il: 04/09/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it