torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cronache
"Apparizioni e Sparizioni"

residenza ideata e curata da Hexperimenta


L’edificio che danza con la città: dal 2 al'11 agosto dalle 17.00 alle 21.00 all'interno della Mole Vanvitelliana parte la residenza ideata e curata da Hexperimenta dal titolo Apparizioni e Sparizioni. Apparizioni e Sparizioni è un dialogo tra architettura e danza in cui 4 performer lavoreranno negli spazi della Mole individuando i luoghi del loro fare che prenderanno via via, nei giorni di residenza, una sostanza creata dall’incontro dell’architettura dello spazio con la danza che lo animerà e che si nutrirà, inoltre, dell’interattività con il pubblico presente.

Infatti, dal 2 al’11 agosto i performer seguiranno un percorso di creazione affiancati da un architetto; il percorso sarà aperto alla visione delle persone che per volontà o per scelta saranno presenti, e che potranno intervenire con suggerimenti, offerta di oggetti o di gesti che arricchiranno o faranno deviare il percorso creativo intrapreso. Il pubblico avrà così l’opportunità di entrare nel pensiero che sottende alla metodologia di approccio alla creazione e che riguarda l’interpretazione dello spazio, le problematiche relative alla visione, la qualità del movimento corporeo.

Nella giornata conclusiva dell’ 11 agosto è prevista l’esposizione finale di Apparizioni e Sparizioni con l’articolazione, all’interno dei luoghi della Mole, della performance che sarà il risultato di tutte le suggestioni ricevute, quelle del pubblico che ha partecipato, passando casualmente o di proposito, lasciando suggerimenti, oggetti, pensieri, parole gesti o suoni, e quelle degli stupendi spazi del Lazzaretto che un architetto avrà aiutato a interpretare.

Apparizioni e Sparizioni è una residenza in cui l’approccio al movimento è funzionale all’indagine sulle relazione che un corpo vivo o architettonico costruisce con i diversi sistemi formali e funzionali e il suo processo di strutturazione dello spazio.

L’architettura è un'opera esistente nel mondo che si esprime con la sua stessa presenza e che agisce modificando lo stato di cose che si attuano all'interno o intorno ad essa. Allo stesso modo un corpo con le sue energie genera movimenti, relazioni e quindi crea una determinata percezione dello spazio. L’esplorazione dell’essere nello spazio è quindi il soggetto della ricerca. La lettura dell’elemento architettonico e del suo dialogare con la città è fonte di suggestioni funzionali alla generazione del movimento del corpo e alla creazione di una coreografia che indaghi le regole determinate dall’uso di uno spazio architettonico/urbano per suggerire modi alternativi di abitarlo.

Durante i dieci giorni di Apparizioni e Sparizioni sarà prodotto del materiale video che raccoglierà quanto accaduto fissando l’effimero proprio della danza e dando testimonianza del luogo che l’ha ospitata.

articolo pubblicato il: 30/07/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it