torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

copertina
la lezione di Ben
di Vittorio Sordini

Il governatore della FED Ben Bernanke nella sua ultima dichiarazione pubblica ha affermato che l’economia statunitense è notevolmente migliorata, e che se gli indicatori (riduzione della disoccupazione in primis) continueranno a migliorare la FED sospenderà la massiccia elargizione di liquidità.

La notizia era sicuramente buona, perché si tratta del primo concreto segnale che almeno l’America sta uscendo dalla crisi, ma l’impatto della notizia sui mercati finanziari è stato da “panic selling” : letteralmente ordini di vendita originati da paura.

Le vendite hanno colpito tutti i settori e soprattutto gli strumenti finanziari con bassa classificazione in base al grado di rischio. Lo “spread” tra titoli del debito italiano e tedesco ha ripreso a correre , oltre al fatto che anche il debito tedesco deve pagare un premio maggiore al rischio.

C’è chi osa dire che gli economisti sono coloro che prima ti spiegano come raggiungere un determinato obiettivo entro un certo periodo di tempo e una volta trascorso il detto periodo di tempo ti spiegano perché quegli stessi obiettivi non sono stati raggiunti.

Credo che la palma d’oro per questo tipo di attività spetti agli analisti finanziari, i quali sistematicamente ex post spiegano al grande pubblico il perché di certi movimenti degli indici di borsa e dei prezzi dei titoli. Questa volta si sono trovati a dover spiegare perché una buona notizia abbia generato un effetto negativo così marcato.

Sono state fornite le più disparate spiegazioni, sono state ricordate estrose correlazioni tra causa ed effetto, è stata tirata in ballo anche la riduzione dell’indice di crescita del PIL cinese che comunque viaggia da tempo con una percentuale a due cifre.

Molto più semplicemente è lecito immaginare che “Ben” ha voluto una correzione dei mercati che a suo giudizio avevano corso troppo; lasciare che si creasse una nuova “bolla” avrebbe rappresentato un vero grave pericolo per la tenuta della tenue speranza che il peggio sia ormai alle spalle.
www.sorvittor.blogspot.com

articolo pubblicato il: 27/06/2013 ultima modifica: 10/07/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it