torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cronache
studenti d'inglese

italiani particolarmente ferrati


Gli studenti italiani battono quelli spagnoli e francesi in quanto a conoscenza della lingua inglese. Questo il dato che emerge da uno studio che ha analizzato le competenze dei giovani provenienti dai tre Paesi di origine latina portato avanti da Kaplan International Colleges, società leader di mercato nell’organizzazione di corsi d’inglese all’estero da oltre 40 anni.

Secondo i dati di Kaplan, circa il 60% degli studenti italiani inizia un corso di lingua inglese mostrando già un livello intermedio superiore, contro il 40% degli studenti spagnoli e il 20% dei cugini d’oltralpe. I livelli di conoscenza dell’inglese sono 7: beginner (principiante) elementary (elementare), lower intermediate (pre-intermedio), intermediate (intermedio), higher intermediate (alto intermedio), advanced (avanzato) e proficent (esperto).

Le statistiche di Kaplan mostrano inoltre che negli ultimi 3 anni il numero degli studenti che ha frequentato un corso di inglese all’estero è cresciuto di ben il 30%. A causa della perdurante crisi economica, infatti, la padronanza della lingua è vista come un elemento essenziale per la propria crescita professionale o accademica. Altro dato che emerge dallo studio è che per perfezionare la conoscenza dell’inglese al punto da avanzare di livello sono necessarie 10 settimane di corso all’estero con un test di valutazione fatto ogni 5 settimane.

Da circa un anno Kaplan collabora con Universita.it, portale d’informazione e approfondimento per tutto ciò che riguarda il mondo universitario. Da questa collaborazione è nata una sezione dedicata alla lingua inglese, con un test di valutazione online (www.universita.it/category/test-di-inglese/) gratuito, semplice e pratico, che permette di verificare il proprio livello di padronanza della lingua. Il test è particolarmente accurato e tiene conto della conoscenza della grammatica, della ricchezza del lessico, del livello di lettura e del grado di comprensione di un testo. La prova è composta di due parti: una di Grammar and Vocabulary (grammatica e lessico) con 30 domande, l'altra di Reading and Comprehension (lettura e comprensione) con 5 domande.

Tutti e 35 i quiz sono a risposta multipla e, in base al numero di risposte corrette totalizzate, si sarà assegnati a un diverso profilo tra i 6 possibili. Sono già tanti gli studenti che si stanno esercitando gratuitamente su Universita.it per migliorare il proprio inglese. Il sito, da sempre attento alle esigenze degli universitari, ha deciso di arricchirsi della sezione di lingua per rispondere a una domanda sempre crescente, alla quale anche gli atenei stanno venendo incontro. Negli ultimi anni, infatti, i corsi di laurea tenuti interamente in inglese hanno registrato un incremento del 28% (dai 102 del 2011 si è passati a 130 nel 2012) e, in molti atenei, esiste anche la possibilità di ottenere un doppio titolo di studio, valido in Italia e in un altro Paese.

Universita.it (www.universita.it) è sempre più ricco di contenuti utili per gli studenti e non solo. La sezione con il test di inglese si va ad aggiungere a molte altre, tutte ricche di informazioni utili, come quella dedicata ai master, capace di offrire una visione completa dei corsi attivati o in via di attivazione in Italia. E non mancano i contenuti interattivi, come nelle sezioni ‘Ammissione università’ e ‘Orientamento’, nelle quali è possibile esercitarsi gratuitamente per le prove di accesso a i corsi di laurea a numero chiuso o saggiare le proprie conoscenze nelle varie aree disciplinari per scoprire quale percorso universitario sia più adatto a ciascuno. Universita.it è costantemente in crescita e attualmente registra in media 150mila/200mila visite al mese con un totale di oltre 1milione e mezzo l’anno.

articolo pubblicato il: 14/06/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it