torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Scusa sono in riunione, ti posso richiamare?"

al Teatro Sistina di Roma


23 MAGGIO TEATRO SISTINA

GABRIELE PIGNOTTA in

SCUSA SONO IN RIUNIONE, TI POSSO RICHIAMARE?

Una commedia Scritta e diretta da Gabriele Pignotta con Fabio Avaro Cristina Odasso Nick Nicolosi Siddhartha Prestinari

disegno luci Maxi Lumachi musiche originali Stefano Switala scenografie Tiziana Liberotti

Dopo il grande successo ottenuto in tutta Italia con le sue commedie ed in particolare a Roma, dove in breve tempo ha conquistato le platee registrando il tutto esaurito al Teatro de' Servi, al Sala Umberto, Manzoni e Ghione, Gabriele Pignotta il 23 maggio sarà sul prestigioso palco del Teatro Sistina per un grande evento con il suo "Scusa sono in riunione, ti posso richiamare?". Un appuntamento che consacra il successo di Pignotta, autore, regista e attore, attualmente impegnato anche in importanti progetti cinematografici tra cui il suo primo film e una collaborazione con Carlo Verdone.

Con lui sul palco del Teatro Sistina saranno Fabio Avaro, Cristina Odasso, Nick Nicolosi e Siddartha Prestinari.

Già il titolo racconta molto di questa commedia,una frase che si trasforma in tormentone, per una generazione, quella dei trenta/quarantenni di oggi, abbastanza cresciuta da poter vivere inseguendo il successo e la carriera ma non abbastanza adulta da poter smettere di ridere ed ironizzare su se stessa. "Ex ragazze" e "ex ragazzi" che senza accorgersene sono diventati donne e uomini con l’animo diviso tra le ambizioni ed i propri bisogni di affetto, ma anche in fondo persone portatrici sane di un “fallimento sentimentale vissuto sui ritmi frenetici di un'esistenza ormai dipendente dalla tecnologia che non lascia spazio ad un normale e sano vivere i rapporti interpersonali!"

Ma cosa succederebbe a queste stesse persone se si presentasse loro anche l’illusione del successo facile, della visibilità tanto agognata in questi nostri tempi, quella per intenderci dei reality televisivi? La risposta rimane di proprietà di un pubblico che dopo avere riso di se stesso si interrogherà a lungo sul senso di molti aspetti della sua vita. Una commedia geniale già record d’incassi in molti Teatri Italiani, acclamata da pubblico e stampa, assolutamente da non perdere!

Gabriele Pignotta vince dapprima il festival di Castrocaro come volto nuovo, successivamente inizia a scrivere programmi televisivi per la Rai e per Mediaset, con lo staff di Japino-Carrà, fino ad arrivare ad avere uno spazio comico su Rai Due in “Al posto tuo” di Alda D’Eusanio, la scrittura e conduzione di due programmi su Sky e una partecipazione come attore al sabato sera di Rai Uno con Pippo Baudo. Abbandonata momentaneamente la televisione per la sua grande voglia di raccontare storie e dopo aver fondato la sua compagnia teatrale inizia a scrivere e produrre commedie. La prima commedia, “Una notte bianca”, è subito un successo. Sbanca dapprima il botteghino dei teatri off e, dopo essere approdata a teatri di grande capienza come il Teatro Manzoni di Roma, vince il premio Gassman come miglior testo italiano. Successivamente scrive “Scusa sono in riunione, ti posso richiamare?” (record d’incassi al teatro Manzoni e al Teatro Roma) e “Ti sposo ma non troppo” grazie alle quali le commedie di Gabriele Pignotta diventano in pochissimo tempo un fenomeno nazionale. E finalmente, grazie al sodalizio professionale con Marco Belardi (produttore di pellicole di grande successo), “Ti sposo ma non troppo” si appresta a diventare un importante progetto cinematografico. Gabriele è stato inserito tra gli autori contemporanei nel libro "Storia del teatro italiano contemporaneo" di Giovanni Antonucci edito nel 2012.

Di recente ha vinto il premio come miglior attore emergente del panorama italiano al Foggia Filmfestival. Attualmente sta collaborando alla stesura del prossimo film di Carlo Verdone e sta preparando il suo primo film tratto dalla commedia "Ti sposo, ma non troppo" prodotto dalla Lotus Production.

articolo pubblicato il: 20/05/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it