torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

cronache
premiazione PAES

a Roma


Il 24 maggio, a Roma, presso l'auditorium del GSE, la premiazione dei vincitori della seconda edizione del concorso per i migliori Paes, Piani d'azione per l'energia sostenibile italiani, promosso da Alleanza per il Clima in collaborazione con Kyoto Club

Stephan Kohler: “Svolta energetica, la sfida europea ed italiana passa per le politiche locali” Il direttore della Dena - Agenzia Energetica Tedesca, braccio destro della Cancelliera Angela Merkel in ambito energetico, sarà tra i relatori della cerimonia di consegna dei premi

“Considero cruciale, per il nuovo Governo italiano, mettere in campo programmi di incentivazione e iniziative per promuovere l’efficienza energetica sul lato della domanda, mobilità inclusa. L’efficienza energetica in molti casi è economicamente conveniente, non stiamo parlando di misure diseconomiche, siamo di fronte ad alti potenziali di risparmio che producono un diffuso effetto positivo”. A sostenerlo è Stephan Kohler, direttore della Dena - Agenzia Energetica Tedesca, tra gli attesi relatori della cerimonia di premiazione della seconda edizione di A+CoM, riconoscimento per i migliori Piani d'azione per l'energia sostenibile (Paes) italiani, promosso da Alleanza per il Clima Italia e Kyoto Club. Venerdì 24 maggio sarà l'auditorium del GSE - Gestore dei Servizi Energetici – di Roma a riunire i vincitori del premio, selezionati dal comitato scientifico tra gli oltre 80 comuni partecipanti.

“I Paes – sostiene Sergio Andreis, Direttore di Kyoto Club - permettono alle amministrazioni locali di intraprendere un percorso virtuoso a favore dell’energia sostenibile. Il premio A+CoM intende valorizzare la situazione nazionale di politica energetica, da cui emerge un’Italia che si fa sempre più smart, sostenibile ed efficiente”. Un percorso nel quale i Piani d'azione per l'energia sostenibile “sono i punti di eccellenza scelti di un grande patrimonio di progettualità a livello locale - sottolinea Karl-Ludwig Schibel, coordinatore di Alleanza per il Clima Italia - per portare avanti in Italia la svolta energetica”. Se si vuole creare valore aggiunto nel Paese, in termini ambientali, economici e occupazionali, la risposta è l’efficienza energetica. “Ristrutturare le abitazioni, l’infrastruttura, introdurre l’efficienza energetica nei distretti industriali, costruire impianti di co- e tri-generazione – sottolinea Kohler, braccio destro di Angela Merkel in ambito energetico - sono tutte attività che devono essere attuate a livello locale, nelle città, lì dove ci sono l’industria e il commercio. L’efficienza energetica ha la specifica qualità di creare lavoro poiché va attuata in un determinato territorio dal settore artigianale, dalle piccole e medie imprese”. Ed è in questa direzione che, dunque, dovrebbe muoversi anche secondo il direttore della Dena il nuovo Esecutivo italiano. “In Germania la svolta energetica è partita nel 2000 – prosegue Kohler - perché in quell’anno era già stata decisa l’uscita dal nucleare e una nuova graduatoria di priorità: efficienza energetica e promozione delle energie rinnovabili. Certo, all'inizio si trattava di un progetto sposato solo da una parte del Parlamento: solo con Fukushima la svolta energetica è diventata una una politica condivisa da tutti i partiti”. Priorità a livello europeo – e anche di questo parlerà più dettagliatamente Kohler il 24 maggio a Roma, in un ideale ponte tra politiche di intervento locale (i Paes premiati) e interventi di ampio respiro internazionale – è lo sviluppo di una strategia in grado di far vivere il mercato energetico a livello continentale. “La struttura del futuro mercato interno dell’energia elettrica – precisa il direttore dell'Agenzia Energetica Tedesca - sarà un compito da risolvere a livello di Comunità europea. Bisogna trovare un accordo per la distribuzione della capacità di produzione di energia dalle singole fonti rinnovabili: in questo contesto l’Italia riveste un ruolo centrale con il solare, visto che le ore di radiazione solare nell’Italia del Sud sono il doppio di quelle della Germania”.

articolo pubblicato il: 14/05/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it