torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

libri
"Il diario segreto di Marco Aurelio"

di Giulio Castelli


Un grande della storia rivive in un romanzo che tutti i politici dovrebbero leggere.

Il diario segreto di Marco Aurelio
L’imperatore che disprezzava il potere

di Giulio Castelli
Newton Compton Pagine 476 - Euro 9,90

Presentazione a Roma (Musei Capitolini, Sala Pietro da Cortona) mercoledì 15 maggio, ore 17.30.

Il principato di Marco Aurelio segnò il massimo splendore ma anche l’inizio del declino dell’impero romano. Proprio quando sembrava che il mondo potesse avviarsi verso la mitica età dell’oro – il regno dei saggi e dei filosofi – improvvisamente inquietudini profonde e minacce esterne incominciarono a incrinare queste certezze. L’utopia di una politica rivolta al benessere dei cittadini e ispirata da elevati principi morali fu dunque abbandonata per quasi duemila anni. Dovrebbe essere ricordata con attenzione e rispetto anche dai governanti del nostro tempo. Il romanzo rievoca, con fedeltà alle fonti storiche, la personalità e la vita di Marco Aurelio. Accanto a lui, suo amico e consigliere, è il fido Isidoro che raccoglierà il suo diario segreto e lo salverà dalla volontà distruttiva di Commodo, figlio degenere dell’imperatore filosofo. È grazie a questo diario, attraverso i ricordi dell’imperatore e quelli del suo fraterno amico, che il lettore rivivrà un’epoca lontana ma per certi versi così vicina. Sono ricordi che talvolta coincidono e talvolta divergono. Sullo sfondo sono le lunghe terribili guerre contro i popoli germanici con la spettacolare descrizione delle battaglie decisive tra il Danubio e i Carpazi.

Sono anche rievocate le spedizioni nei roventi deserti dell’Oriente, la persecuzione dei Cristiani e l’intransigenza settaria degli eretici della nuova religione. Celebri personalità dell’epoca fanno corona a Marco Aurelio: i suoi predecessori Adriano e Antonino Pio, il generale africano Settimio Severo, che gli succederà una dozzina di anni più tardi, il medico Galeno – fondatore di una scienza che ha resistito per diciotto secoli – alle prese con una tremenda epidemia, il matematico Tolomeo di Alessandria la cui geometria è ancora insegnata nelle scuole, oltre ai grandi eruditi, filosofi e letterati, Frontone, Erode Attico, Elio Aristide, Aulo Gellio e Luciano di Samosata.

L’autore. Giulio Castelli ha pubblicato il romanzo “Il Fascistibile” (Bompiani), il pamphlet “Il Leviatano negligente, potere e inefficienza in Italia” (ed. Acropoli) e “Il piccolo dizionario 2005” (Cives). Con la Newton Compton ha pubblicato la trilogia sulla caduta dell’impero romano: “Imperator”, “Gli ultimi fuochi dell’impero romano” e “476 A.D., l’ultimo imperatore”. Cura il sito Internet www.cadutaimperoromano.it

articolo pubblicato il: 06/05/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it