torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"L'importanza di Donatella"

al Teatro Tordinona di Roma


Td IX teatro tordinona VIA DEGLI ACQUASPARTA 16, (PIAZZA NAVONA) ROMA tordinonapress@gmail.com

23 e 24 aprile 2013 ore 21

l’importanza di donatella

dal “fattaccio” del Circeo alla legge sullo stupro sulle orme di Donatella Colasanti di e con donatella mei Voci di Francesca La Scala Alimberto Torre e Pietro Faiella

L’importanza di Donatella è uno spettacolo che racconta Donatella Colasanti, vittima con Rosaria Lopez, che ne morì, del massacro del Circeo del 1975; il testo è stato scritto nel 2010 ed ha debuttato nel 2011. L’ultima battuta recita: “dedicato a Donatella, a Rosaria, Mariacarmela, Valentina e a tutte le donne vittime di violenza che nel 2010 in Italia sono state 127”. Ad aprile 2013 le donne vittime di violenza sono aumentate e con esse le campagne di sensibilizzazione, le manifestazioni di piazza, le donne che hanno deciso di esporsi in prima persona per far crescere la sensibilità e la consapevolezza su questa piaga sociale. Donatella Mei da due anni porta il monologo nei teatri, nelle scuole, nei centri antiviolenza, nelle case famiglia, nei centri sociali, in ogni sala che si rende disponibile ad ascoltare un grido forte e una denuncia necessaria.

Il 23 e il 24 aprile sarà ospitata al Tor Di Nona per immaginare quello che Donatella Colasanti non ha detto e ricordare quello che ci ha lasciato, dai versi poetici alla fondamentale legge contro lo stupro, che dal 1996 e grazie al suo processo viene considerato un reato contro la persona e non contro la morale. Un viaggio introspettivo, nell’anima della protagonista in cui ogni tappa è documentata dalla storia giudiziaria, dalle udienze, dal paradossale destino dei tre colpevoli, dal continuo confronto con la realtà e la sua metabolizzazione. Ad accompagnare la sua vita ci sono il dolore e una costante ricerca di giustizia. L’importanza di Donatella è uno spettacolo di denuncia, ma anche di riflessione e di introspezione, sui meccanismi relazionali fra uomini e donne. Uno spettacolo di sorprendente attualità, che smaschera l'ipocrisia della parità: non bastano le leggi, le opportunità e i progressi fatti dalle donne in tutti i settori della vita pubblica ed economica. Di violenza maschile si muore ancora.

Donatella Mei, attrice, autrice e organizzatrice culturale, vive e lavora a Roma. Dal 2000 si occupa di cabaret e poesia performativa. Inizia la sua carriera di attrice partecipando allo spettacolo L’apocalisse di Leo De Berardinis. Nel 2000 fonda il gruppo di poesia giocosa I Poeti Transgeniali e nel 2002 Le Passere Solitarie, recitando nei maggiori teatri italiani in Il Bello Addormentato, di Maurizio Costanzo e Gianni Fantoni. Partecipa a trasmissioni radiofoniche e televisive (Maurizio Costanzo Show, Ottovolante, Le Invasioni Barbariche, RaiSat, Futura Tv, Radiorock, Radio Centro Suono). È presente in numerose antologie tra cui Pink Ink, La notte È il mio giorno preferito, 20 anni di Haiku e Poesia a comizio. Pubblica nel 2008 la raccolta Tesoro no per l’editore “Libero di scrivere”, da cui trae parte del testo del suo spettacolo “Non sono Sharon Stone ma qualche uomo l’ho avuto anch’io”, rappresentato con successo nel 2009 al Teatro dell’Orologio di Roma, con repliche nei teatri del Belpaese. È stata vincitrice del premio Haiku 2004 e 2007 indetti da Empiria e dell’Istituto di Cultura Giapponese, e del Premio Capoliveri Haiku 2007. Nel 2010 scrive L'importanza di Donatella che porta in scena sino ad oggi.

Per info e prenotazioni teatro tordinona via degli acquasparta 16, (piazza navona) roma Telefono 3285457426 Mail tordinonapress@gmail.com Biglietti intero 10 euro ridotto 7 euro

articolo pubblicato il: 16/04/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it