torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"La salute degli infermi"

al Forte Fanfulla di Roma


Parabole Fra i Sanpietrini continua a ritmo ferratissimo ancora fino al 25 maggio; giovedì 18, venerdì 19 e sabato 20 aprile, alle ore 21.30 sarà la volta della giovane formazione Compagnia Barone Chieli Ferrari che per l’occasione presenta al pubblico romano e agli affezionati di “Parabole” il loro debutto assoluto dal titolo “La salute degli infermi” una drammaturgia originale che prende spunto da alcuni racconti di Julio Cortàzar.

Il progetto "La salute degli infermi" ha vinto il bando Pre-Visioni 2012 del Teatro della Tosse di Genova. E' stato finalista del "Premio Giovani Realtà del Teatro 2011" della Civica Accademia Nico Pepe di Udine e finalista della "Borsa Teatrale Anna Pancirolli 2012".

Lo spettacolo è costruito attorno all’idea di silenzio e di immobilità. Le parole non dicono la verità, la verità è nei gesti dei personaggi che sono sulla scena pensata in maniera essenziale e funzionale all’azione degli attori: un tavolo intorno a cui i tre elaborano il piano; un giradischi la cui musica serve a celarne il trambusto; una sedia dinnanzi al letto della mamma; e la porta, ponte tra le due realtà.

La scelta di una recitazione asciutta, di sintesi di gesti e parole definisce un lavoro in cui il silenzio e la precisione diventano protagonisti.

Sinossi: Buenos Aires, 1976: Alessandro muore mentre è in vacanza. I suoi due fratelli, in pensiero per la salute della madre costretta a letto dalla malattia, decidono di nascondere la verità con una fittizia corrispondenza dal Brasile. Nel loro piano coinvolgono Maria Laura, la fidanzata di Alessandro. Quando la madre muore realtà e finzione si confondono e i tre rimangono intrappolati nella loro macchinazione: credono a tutto, si illudono di tutto, si abituano a tutto. Una porta traccia una linea immaginaria che divide il palcoscenico in due metà: in quella anteriore i due fratelli e Maria Laura preparano la macchinazione; in quella posteriore, la stanza della mamma, dissimulano serenità e mettono in pratica il loro piano.

articolo pubblicato il: 15/04/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it