torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

attualità scientifica
"I soggiorni di Freud a Orvieto: autoanalisi verso la Psicanalisi"

Sala Consiliare Palazzo Comune Orvieto dal 18 al 21 aprile

di Sergio Gigliati

La Sezione Orvieto F.I.D.A.P.A. B.P.W. Italy (Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari) annuncia per il 18 ,19 , 20, 21 aprile 2013, il convegno: “I soggiorni di Freud ad Orvieto: autoanalisi verso la Psicoanalisi”.
I lavori si terranno a Orvieto nella Sala Consiliare del Palazzo del Comune e nella Sala del Governatore nel Palazzo dei Sette.
Il programma completo e gli atti del convegno saranno pubblicati su Psychomedia.it
http://www.voltapagina.name/puntidivista_arte_e_psicoanalisi.htm
“... E ciò mi diede occasione di raccomandare vivamente al mio compagno di recarsi una volta o l’altra a Orvieto per contemplare gli affreschi del ciclo della fine del mondo e del giudizio universale, coi quali un grande pittore aveva decorato una cappella del Duomo...”
(Sigmund Freud, “Meccanismo psichico della dimenticanza”, 1898)
«Il convegno – spiega la dott.ssa Anna Maria Meoni, primario psichiatra e presidente della sezione di Orvieto della F.I.D.A.P.A. - è articolato in moduli scientifici e didattici che cercheranno di focalizzare il punto oggetto di studio: ovvero quale influenza abbia avuto in Freud la visione nel 1897 degli affreschi di Luca Signorelli nella elaborazione della Psicanalisi, così come si strutturò, dopo il soggiorno di Freud ad Orvieto e così come compare nella prima pubblicazione della “Psicopatologia della vita quotidiana” nel 1898 e de “L’interpretazione dei sogni” nel 1899.
Autoanalisi verso la psicoanalisi perché si ha ragione di ritenere che l’anno 1897 ha un’importanza centrale nel pensiero di Freud quale oggi si continua ad approfondire e studiare.
L’impostazione del convegno è interdisciplinare : interverranno con relazioni non solo psichiatri, psicologi, psicanalisti, ma anche giornalisti, documentaristi, archeologi e storici dell’arte. Abbiamo puntato sulla multidisciplinarità dei contributi proprio nella speranza che questa sinergia di competenze porti a capire se davvero – come da più parti emerge - Freud trovò conferma all’intuizione della Psicoanalisi nel 1897, quando entrò nella Cappella di San Brizio del Duomo di Orvieto »
Il convegno, oltre che ricordare ripercorrendo la scoperta della psicoanalisi da parte di Freud negli anni 1897-1899 con specifico riferimento al ruolo di stimolo che può aver avuto Orvieto in quegli anni, crede che ciò possa consentire di poter oggi meglio apprezzare la ricaduta sociale della Psicoanalisi nelle pratiche terapeutiche in Psichiatria e in Psicologia che saranno illustrate dal Dr. Giuseppe Cantarini e dalla Dr.ssa Anna Maria Meoni in conclusione ai lavori congressuali. Il Prof. Mario Morcellini, la Dr.ssa Matilde Turreni, la Dr.ssa Chiara Mantovani, la Dr.ssa Francesca di Biagio, la Prof.ssa Felicità Menghini e il Prof. Rocco Pisani condurranno il gruppo dei partecipanti verso un dialogo costruttivo delle menti e delle intelligenze e nella condivisione degli affetti, verso la Koinonia degli stimoli e delle proiezioni quando si rivede una storia importante o un capolavoro d’arte.
I quattro giorni di studio prevedono anche la messa in opera di una targa commemorativa, intitolata a Marie Bonaparte (1882-1961), illustre allieva del padre della psicanalisi cui si deve la conservazione del patrimonio intellettuale di Freud.
La partecipazione al Convegno, previa prenotazione, è gratuita:
Per le prenotazioni ed ulteriori dettagli eventi sociali contattare:
F.I..D.A.P.A. sez. di Orvieto cell. 3495343365 tel. 0763 343566 cell. 3396329445

articolo pubblicato il: 15/04/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it