torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Il Residence"

al Teatro In Portico di Roma


da Mercoledì 17 a Domenica 21 Aprile 2013 alle ore 21 (Domenica 17.30)

al TEATRO IN PORTICO Circonvallazione Ostiense, 195 – Roma info +39 348 780 43 14 La Compagnia Arcobaleno presenta:

Beauty Farm dell’anima IL RESIDENCE

Commedia in due atti di Paolo Cociani con Alice Laura Pirolli, Letizia Mazzucchelli, Paolo Trevisan, Massimo Danza, Carla Russo, Paola Sarto, Mariavenere Guerrieri, Angelo Filippo Jannoni Sebastianini, Gianluca Ferrari, Claudio Scaringia, Fabiola Gnessi e Paolo Cociani.

Beauty Farm dell’anima, quasi un western psicologico. Un Residence di pensieri irrealizzati: come dire che dal dire al fare c’è di mezzo il mare. Sceriffo del sapere esoterico Scarciofalo, è il maestro di un villaggio della Fantasia, che consiglia e orienta tutto e tutti per il raggiungimento di un ideale che non esiste. Niente carne, né fumo, né alcool senza che ci sia un vero motivo per astenersi. E così tutti, pur provandoci , trovano la via per sfuggire ai buoni propositi. Digiunatori dal frigorifero facile perdono così l’occasione della loro vita per rendersi indipendenti dalla Confusione Dialettica che fa’ crollare loro addosso il mondo e allontana per sempre la possibilità di essere liberi. Un gruppetto di cacciatori di benessere hanno trovato finalmente il Maestro che li può condurre a tutte le virtù. Relazioni sociali, giochi di società e meeting, finalizzati ad allenare l’anima dei personaggi di questa storia alle più elevate conquiste spirituali, sono come l’eco di ondate oceaniche che si infrangono sull’esile sensibilità dei protagonisti. Sonno e sogni, carne, fumo ed alcool sono gli scogli su cui si infrangono tutti: solo uno si salva rivolgendosi alla purezza come scialuppa di salvataggio.

Il Residence è il luogo di confronto: vi si svolgono conferenze e incontri col Maestro, che non manca di essere presente anche nel sonno dei discepoli, consigliandoli, sgridandoli, adulandoli. Tutti sono spinti a “molto” studiare per capire e a condividere, ma la realizzazione dei propositi è l’ostacolo che non si riesce a superare. Non è facile capire, ma alle volte si riesce. Attuare le intenzioni è fuori dalla portata delle persone semplici che abitano questo luogo immaginario. Due donne, Dorotea e Melissa, poli di nervosismo e calma, attraversano la storia finché tutto crolla in seguito alla défaillance morale di Giampi, Rudevic, Marogna e Nestor, che rappresentano l’assoluta mancanza di forza ideale e che vivono ormai in una vita sonnambolica e priva di senso. Solo l’ultimo arrivato, più per caso che per scelta, Vittorio, troverà la via verso la chiarezza e la luce, richiamato alla coscienza da una bambina, che lo restituirà al mondo.

Sono abitanti del mondo imaginativo questi esseri che popolano il Residence, anime tuffate nei flutti della vita, che le tentano tutte, ma sono destinate a provare la prossima volta. E chissà se un giorno troveranno in se stessi un vero residence, una vera Casa.

articolo pubblicato il: 10/04/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it