torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Donna numero 4"

al Teatro Vascello di Roma


Al Teatro Vascello di Roma dal 16 al 21 APRILE 2013 dal martedì al sabato h21 – domenica h 18 Spiazzante, adrenalinica, divertente, torna Eleonora Danco, con due emozionanti atti unici. Donna numero 4 in prima nazionale, con il patrocinio e su commissione dell’Expo di Milano. Per una settimana, nella stessa sera, Eleonora ci offre anche Nessuno ci guarda, la performance che ha entusiasmato pubblico e critica. I suoi testi sono estremi e poetici..da non perdere.

PRIMA NAZIONALE in collaborazione con la Triennale di Milano ed Expo 2015

DONNA NUMERO 4

di e con Eleonora Danco Musiche scelte da Marco Tecce Costumi MDM Disegno luci Burbetta - Terzoni Tecnico luci Tiziano Terzoni Scena-Vuota Aiuto regia Camilla De Bartolomeo Assistente alla regia Ludovica Sistopaoli Organizzazione ElisaPavolini - Alessandra Limentani Uff.stampa e Promozione: Artinconnessione _ Chiara Crupi Regia Eleonora Danco Patrocinio Expo Milano 2015. Progetto voluto dal direttore spazio Zero Expo 2015 Davide Rampello Scritto su commissione di Expo Milano 2015, con al centro il tema dell' Esposizione Universale di Milano: Nutrire il pianeta-Energia per la vita”

"Donna numero 4" è stato pubblicato da Skirà ed Expo Milano 2015 nel volume "Storie di cibo Racconti di vita" Skirà edizioni.

Nella seconda parte sarà rappresentato il suo primo a solo che ha riscosso un grande successo di pubblico e critica: "Nessuno ci guarda", pubblicato da Minimum fax.

"Ho lavorato su una figura femminile, che potrebbe essere anche maschile, un personaggio che passa inosservato all'esterno, con un mondo interiore deformato che palpita. Il suo rapporto con il cibo è un metronomo attraverso il quale decide di organizzare la sua vita, senza errori. Evitare aperitivi, cene, non compra niente, neanche le uova la farina, niente. Modificare il corpo per cancellare i ricordi. Le cose che mangiamo sono un'assunzione di responsabilità, per lei sono uno scopo. Riuscire ad essere metodici. Il cibo diventa anche uno scontro con l'esterno, la realtà urbanistica; nei musei, librerie, metropolitane, ovunque sappi che se vuoi puoi mangiare. Gli odori la obbligano alla memoria. I sughi, i soffritti, le scamorze alla piastra nei bar all'una e mezza. Immagini che affollano la sua testa, un bacino di attrazioni e rifiuti, drastiche decisioni. Come andare avanti se tutto intorno la riporta indietro? In scena con lei, si aggirano delle persone. A tratti la umiliano, la eccitano. Non smettono mai di muoversi. Sono l'inconscio del personaggio. Un movimento continuo ai margini del cervello. Donna numero 4 sa di essere un'adulta, dal latino:“cresco (ond'anche Adolescente) nutrire, cresciuto negli anni e nella persona, quanto basta per avere intelletto e discernimento”.
Eleonora Danco

NESSUNO CI GUARDA I condizionamenti ricevuti nell'infanzia, nella vita adulta. Ispirato alla pittura di Jackson Pollock.

Botteghino: dal martedi' al venerdi' dalle 9 alle 21.30 orario continuato lunedi' dalle 9 alle 18,00 sabato dalle 16 alle 21,30 domenica dalle 16 alle 19

Teatro Vascello _ Via Giacinto Carini 78 _ Zona: Monteverde ROMA biglietti: intero 15,00 euro, ridotto 10,00 euro

articolo pubblicato il: 10/04/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it