torna a "LaFolla.it" torna alla home page dell'archivio contattaci
cerca nell'archivio




ricerca avanzata


Google



contattaci

ingrandisci o rimpicciolisci il carattere del testo

teatro
"Finestre"

al Cineteatro Quantestorie di Manziana


AGORA’ dalla piazza al teatro Sabato 6 Aprile 2013, ore 15.30, Manziana presso il Cine-teatro Quantestorie (Ingresso libero)

Proseguono gli appuntamenti della rassegna “AGORA’ – dalla piazza al teatro” ad ingresso gratuito in provincia. L’iniziativa è stata ideata dall’Ass. Culturale Il Naufragaremèdolce e realizzata con il sostegno della Provincia di Roma - Assessorato alle Politiche Culturali e dalla Regione Lazio – Assessorato Cultura, Arte e Sport. Sabato 6 aprile alle ore 15.30 le attrici e organizzatrici del progetto Chiara Casarico e Tiziana Scrocca proseguono il loro viaggio con il lavoro dal titolo “Finestre”, monologhi, dialoghi, canti, arringhe, manifesti poetici e politici, sketches e gags…Lo spettacolo - spiegano le stesse interpreti - parte dalle emozioni che caratterizzano il disagio di vivere oggi, immaginando un filo ideale che lega la nostra contemporaneità alla Resistenza come fatto storico. La Resistenza di chi fa Teatro e di chi va a Teatro viene subito citata nel prologo, rompendo la quarta parete ed evocando Brecht. L’incipit dello spettacolo riporta due episodi della Resistenza raccontati da Alessandro Natta, ex-IMI, e Rosa Cantoni, ex-partigiana. Personaggi e situazioni si susseguono alternando momenti di drammatici a momenti poetici alla comicità agro-dolce: l’anziana signora sempre affacciata alla finestra che si lamenta dello svuotamento progressivo delle parole e della politica; la ricercatrice precaria col senso di colpa che si sente sola e schiacciata dal mondo del lavoro; l’artista sempre in cerca di soluzioni per sopravvivere; l’intollerante verso gli immigrati, la donna straniera che fatica a sopravvivere, la donna violata, il centro benessere in un mondo di malessese, l’esasperazione burocratica, l’autodeterminazione e il diritto ad amare al di là dei generi, il canto tragicomico dei lavoratori precari, eternamente precari e giovani…come gli artisti…

Insieme allo spettacolo sarà presentato il progetto / laboratorio “SEGNI MEMORIA E DESIDERIO DELLA CITTA’” il cui obiettivo è raccontare insieme agli abitanti dei vari comuni il proprio territorio, in un percorso legato alla narrazione, alla lettura, alla performance, alla documentazione audio, video e fotografica, che si concluderà con la produzione di uno spettacolo-evento dal titolo appunto “Segni, memoria e desiderio della città”

Cine-teatro Quantestorie Via IV Novembre, 63 Ore 15.30 – ingresso gratuito Prenotazioni: info@ilnaufragarmedolce.it

articolo pubblicato il: 03/04/2013

Commenta Manda quest'articolo ad un amico Versione
stampabile
Torna a LaFolla.it